L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Fabrizio De André | La buona novella (1970)

29/03/2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Dopo aver suonato nel gruppo The Crazy Cowboy And Sheriff One, Fabrizio De André (1940-1999) incide i primi singoli, con l'esordio di Nuvole barocche nel 1961. Nel 1968 partecipa alla realizzazione dell'album Senza orario senza bandiera dei New Trolls adattando i testi di Riccardo Mannerini. I suoi primi concerti, superando una naturale ritrosia per il palcoscenico, avvengono a metà degli anni 70 con alcuni dei New Trolls. Canti randagi (BMG, 1995) è il primo tributo all'artista con colleghi dell'area etnica (la Ciapa Rusa, Baraban, Peppe Barra e Bevano Est). Anni dopo si replica con Canti randagi 2 (Cose di musica, 2010) con contributi di Riccardo Tesi, Petra Magoni e Elena Ledda. Altro tributo fragoroso quello dal vivo a Genova il 12 marzo 2000 a cui fa seguito la pubblicazione Faber amico fragile (BMG, 2003) dove intervengono Celentano, Finardi, Battiato, Vecchioni, Ligabue, Paoli, Jovanotti, Vasco Rossi, Mercanti di Liquore e tanti altri.

 

La buona novella
Produttori Associati, 1970 – ★★★★★

Un'ardita operazione intellettuale, con cui De André eleva a rango poetico il mondo della canzone. Nel riprendere e rivisitare la tradizione dei Vangeli Apocrifi, l'artista si impegna a dare visibilità e credibilità a un pezzetto di storia che la Chiesa e i libri ufficiali non raccontano. Il passo più coraggioso, scomodo, provocatorio di Fabrizio, che nulla concede alla facile spettacolarizzazione. Un classico concept album con momenti che passeranno alla storia, a cominciare da Il testamento di Tito. Ad accompagnarlo in studio uno stuolo di promettenti musicisti: sono i Quelli, destinati in un paio d'anni a trasformarsi in Premiata Forneria Marconi.

 

Canzone: Il testamento di Tito (Live, con PFM)

Ma adesso che viene la sera ed il buio
mi toglie il dolore dagli occhi
e scivola il sole al di là delle dune
a violentare altre notti:

io nel vedere quest'uomo che muore,
madre, io provo dolore.
Nella pietà che non cede al rancore,
madre, ho imparato l'amore.

 

Piattaforma Spotify:

 

Piattaforma Grooveshark:

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.