L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Nirvana | Unplugged In New York (1994)

12/07/2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il gruppo Rock più importante degli anni 90. Non quello più comprato (hanno in ogni caso venduto 50 milioni di dischi), ma di massima influenza per le sorti della cultura popolare del decennio. Guidati dall'autore, chitarrista e cantante Kurt Cobain (1967-1994), affiancato dal bassista Krist Novoselic (1965) e nell'ultima incarnazione dal batterista Dave Grohl (1969), i Nirvana nascono come trio underground in una zona economicamente depressa dello Stato di Washington. Nel giro di pochi anni e di un solo album ottengono un contratto con una major discografica. Il successo di Smells Like Teen Spirit (singolo e video) e dell'album Nevermind rappresenta il big bang del Rock Alternativo, che s'affaccia prepotentemente sulla scena dando una spallata al vecchio suono dei 70-80. La loro musica è elementare e viscerale, come da lezione del Punk, ma le melodie dei Nirvana sono magnetiche e accattivanti. Involontariamente (?), incarnano i sentimenti di rabbia, disillusione e confusione di una generazione. Ma la vita di Cobain, e quindi dei Nirvana, è travolta dall'uso di droga. Sono un gruppo virtualmente sciolto quando, nell'aprile 1994, il cantante si suicida lasciando dietro di sé la figlia Frances Bean e la moglie Courtney Love, la vedova Rock più controversa della storia dopo Yoko Ono. Un mese prima, a Roma, Cobain entra in coma per overdose e poi, rientrato nella sua Seattle, prende la decisione del suicidio, con un colpo di fucile. La stampa è concorde nel definire la sua scomparsa il maggiore lutto nel Rock dai tempi dell'assassinio di John Lennon.

 

Unplugged In New York
Geffen, 1994 – live – ★★★★★

Dopo la scomparsa Kurt entra nel mito: per sottolinearne il valore e giustificarne l'idolatria postuma, viene in soccorso un album di strepitosa compattezza e liricità, un concerto acustico, con esecuzione irreprensibile. È il testamento di un personaggio provvidenziale, che in brani come Dumb, About A Girl, All Apologies disegna il suo addio: ottimi l'inserimento del chitarrista Pat Smear (ex Germs) e la selezione delle cover, dai Meat Puppets a Leadbelly, alla The Man Who Sold The World di David Bowie.

 

Canzone: Where Did You Sleep Last Night

 

My girl, my girl, where will you go
I'm going where the cold wind blows

In the pines, in the pines
Where the sun don't ever shine
I would shiver the whole night through

 

Piattaforma Spotify

 

Piattaforma Grooveshark

Where Did You Sleep Last Night? by Nirvana on Grooveshark

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.