L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Area | Arbeit Macht Frei (1973)

19/07/2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il gruppo italiano più importante e talentuoso degli anni 70. Patrick Djivas (basso, 1947) e Giulio Capiozzo (batteria, 1946-2000) coinvolgono da subito Demetrio Stratos (voce, 1945-1979) e in seguito Victor Edouard Busnello (sax), Johnny Lambizzi (chitarra) e Patrizio Fariselli (tastiere, 1951). Dopo lo scioglimento Capiozzo, a suo tempo già protagonista nei leggendari Bobo's Band, prosegue con una formazione Jazz a nome Area II incidendo Area II (Gala, 1986, ***) e City Sound (Gala, 1987, ***). Fariselli esordisce da solista con Antropofagia (Cramps, 1977, ***) e anni dopo fa uscire Lupi sintetici e strumenti a gas (Curved Light, 2001, **) a cui seguono Area variazioni per pianoforte (Curved Light, 2005, ***), Acqua liquida suite (Curved Light, 2007, ***) e Notturni (Curved Light, 2008, ***). Ares Tavolazzi (1948) da parte sua accompagnerà per molti anni dal vivo Guccini dedicandosi poi al Jazz al fianco di Enrico Rava e tanti altri musicisti. Da solista incide Kars (Artis, 1989, ***) e Sette veli intorno al re (Sony, 2004, **) insieme a Michele Fedrigotti e Riccardo Sinigaglia. Paolo Tofani (1944), già nei Samurai e Califfi, torna dall'Inghilterra per prendere parte al gruppo Area. Incide Electric Frankestein (Cramps, 1976, ***) e Indicazioni (Cramps, 1977, ***), Rock Exibition (Cramps, 1979, ***) con Mauro Pagani e Demetrio Stratos, Un gusto superiore (Iskon, 1980, **) e Un altro universo (Musica divina, 1983, **), entrambi con Claudio Rocchi. Da solista Tofani, che diventa un devoto Hare Krishna, realizza un buon numero di album strumentali. Dal 2009 Tofani, Fariselli e Tavolazzi danno vita a una reunion più stabile che li vede sul palco in molte città italiane e perfino a Tokyo.

 

Arbeit Macht Frei
Cramps, 1973 – ★★★★★

È il testamento del Pop italiano anni 70. Un debutto che mette in mostra tutte le potenzialità espressive di un gruppo formato da elementi con esperienze opposte e contrastanti tra loro: Jazz (Djivas, Fariselli e Capiozzo), canzone (Stratos), Rock (Tofani). La dirompente Luglio, agosto, settembre (nero) sintetizza in soli quattro minuti le varie anime dei componenti, pronte a mettersi in discussione nella sperimentazione elaborando un nuovo stile musicale. La voce di Stratos si aggiunge e si amalgama all'organico strumentale nella ricerca di un risultato collettivo. Insuperabile e irripetibile.

 

Canzone: Luglio, agosto, settembre (nero)

Gente scolorata quasi tutta eguale
la mia rabbia legge sopra i quotidiani.
Leggi nella storia tutto il mio dolore
vedi la mia gente che non vuol morire.

 

Piattaforma Spotify

 

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.