L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Chemical Brothers | Surrender (1999)

30/08/2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Tom Rowlands (1971) e Ed Simons (1970), da Manchester, sono il duo elettronico che segna indelebilmente gli anni 90, autori insieme a Fatboy Slim e Prodigy di una musica ballabile in grado di scalare le classifiche e riempire gli stadi. Usando il cervello. A tratti travolgenti e capaci di resistere nel tempo, all'usura e al passare delle mode.

 

Surrender
Freestyle Dust, 1999 – ★★★★

Questa volta i fratellini ci regalano un vero capolavoro: proprio prima del 2000 ecco il massimo livello di creatività frullata in un disco. Si parte come al solito alla grande con Music: Response e pare di sentire i padri del genere elettronico, i Kraftwerk, con i loro suoni minimali e ghiacciati che si danno alla Techno. Con Under The Influence la pressione sale e si entra in pieno rave; giusto quello che ci vuole per andare Out Of Control. Per non parlare del videoclip capolavoro che accompagna la fulminante Hey Boy Hey Girl tra scheletri che ballano e la nuova, impressionante Techno-Psichedelia di un brano come Let Forever Be. Zona Chill-out con The Sunshine Underground e inaspettata, decadente malinconia con la meravigliosa Hope Sandoval dei Mazzy Star che canta in Asleep For A Day. Uno degli album fondamentali del decennio.

 

Canzone: Hey Boy Hey Girl

Hey girls
Hey boys
Superstar djs
Here we go

 

Piattaforma Spotify

 

Piattaforma Grooveshark (remixed version)

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.