L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Joni Mitchell | Blue (1971)

10/01/2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Canadese dello Stato di Alberta, Roberta Joan Anderson (1943) prende il nome con cui è conosciuta dal marito Chuck Mitchell, folk singer americano sposato dopo una relazione-lampo nel '65 (un matrimonio durato ben poco). Inizia dalla scena del Village newyorkese, compone per Judy Collins (Both Sides Now), per debuttare poi discograficamente sulla costa ovest. David Crosby e Stephen Stills sono tra i suoi padrini (al fianco di Joni anche all'esordio su vinile). Presto mostrerà il suo talento come autrice e interprete, per una serie di album lodati anche per la capacità di superare i limiti della canzone. Le esplorazioni nel Jazz e le collaborazioni con grandi artisti ne eleveranno ulteriormente lo status. Dagli anni 90 la produzione e la presenza sul mercato si fanno più rarefatti: numerosi i premi ricevuti, mentre si dimostra di particolare impegno e valore la parallela carriera nella pittura.

 

Blue
Reprise, 1971 –

Uno dei capolavori assoluti della generazione westcoastiana. Joni Mitchell compone una serie di brani introspettivi, autoanalitici, dove i suoni austeri delle sue radici Folk sono lo specchio fedele dell'anima. Canzoni come All I Want, California o la stessa Blue sono i vertici dell'artista, che si giova di accompagnatori di lusso, James Taylor e Stephen Stills su tutti. Nonostante il disco sia così asciutto e di francescana povertà, il mercato lo premia: e Joni Mitchell con la sua chitarra acustica, il dulcimer, la voce calma, mai urlata, entra sorprendentemente in classifica.

 

Canzone: All I Want

Oh I hate you some, I hate you some
I love you some
Oh I love you when I forget about me
I want to be strong I want to laugh along
I want to belong to the living
Alive, alive, I want to get up and jive
I want to wreck my stockings in some jukebox dive
Do you want, do you want, do you want
To dance with me baby

 

Piattaforma Spotify

Piattaforma Grooveshark

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.