L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Talking Heads | Remain In Light (1980)

08/02/2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Una delle band che ha maggiormente contribuito a rivoluzionare la musica della generazione Rock si costituisce nel 1975 a New York. Ne fanno parte David Byrne (1952), Chris Frantz (1951) e Tina Weymouth (1950), cui si aggregherà un paio di anni più tardi Jerry Harrison (1949). Fin dai primi passi nei locali cittadini, il gruppo spicca per le qualità innovative con un linguaggio che dal Post Punk si apre a soluzioni di Funky bianco, neo-Psichedelia urbana, elettronica consapevole, per un mix danzabile e sperimentale, a cui non sono estranee le passioni World Music dei magnifici quattro. Dopo lo scioglimento del '91 Byrne approfondirà la sua ricerca multimediale, mentre gli altri tre proveranno una reunion come The Heads, per un album (No Talking, Just Heads, 1996) onorevole e volonteroso, ma niente più, molti ospiti, poche idee. È invece proseguita, sia pure a singhiozzo, l'attività di Frantz e Weymouth con i Tom Tom Club. Nel 2011 il regista Paolo Sorrentino ha intitolato il suo film ‘This Must Be The Place’ – dove recita anche Byrne – ispirandosi al titolo della canzone dei Talking Heads contenuta in Speaking In Tongues.

 

Remain In Light
Sire, 1980 – 

Il pensiero stupendo di Byrne e Eno trova asilo politico nel disco più avventuroso, magmatico, nevroticamente futuribile dei Talking Heads. I due padri-padroni assoluti del progetto firmano i pezzi, li suonano, li cantano, con il contorno delle altre tre Teste e di special guest del calibro di Adrian Belew, Nona Hendryx e Jon Hassell. Un puzzle di micidiale efficacia: ritmi afro, montaggio di materiali, rumori e reperti disparati, tagliente come un bisturi. Houses In Motion, Once In A Lifetime, The Overload Son i momenti di massima suggestione. Un disco intelligente, che pungola e si può ballare: un lampo tra le lunghe ombre della metropoli.

 

Canzone: Once In A Lifetime

You may find yourself living in a shotgun shack
You may find yourself in another part of the world
You may find yourself behind the wheel of a large automobile
You may find yourself in a beautiful house with a beautiful wife
You may ask yourself, well, how did I get here?

 

Piattaforma Spotify

Piattaforma Grooveshark

 

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.