L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

The White Stripes | White Blood Cells (2001)

27/06/2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Scocca l'ora del revival Garage Rock. L'interprete più autorevole è Jack White (1975), da Detroit, Michigan. La sua idea di Rock è minimale: voce, chitarra, batteria, quest'ultima suonata da Meg White (1974). I due, sposati per un certo periodo, fingono d'essere fratello e sorella. Si tengono saldi alle radici Blues, con suoni di slide taglienti, riff brutali, parti vocali giocate sul registro alto. La morale? Il Blues è il nuovo Punk.

 

White Blood Cells
Sympathy For The Record Industry, 2001 – ★★★★

Lo stile del duo giunge a pieno compimento, il suono è più vivido, le canzoni meglio scritte. Per la prima volta non appaiono cover. Non servono: White s'inventa ora rocker “zeppeliniano”, ora gentleman d'altri tempi, ora cantastorie dylaniano. È chiaro ormai che il suo è un talento a tutto campo: cantante espressivo, guitar hero, autore di pregio, produttore che s'ostina a incidere con attrezzatura vintage. Il picco di delicatezza è We're Going To Be Friends, una dolcissima ballata sull'amicizia fra un bimbo e una bimba consumata sulla strada per la scuola. Il riff migliore è quello incalzante di Fell In Love With A Girl, che Joss Stone trasformerà in un Soul-Pop d'effetto. Ora tutti parlano apertamente di revival del genere Garage. S'accodano nomi come Strokes e Hives, ma i White Stripes militano in un altro campionato. Lo dimostrano dal vivo: sono in due e travolgenti.

 

Canzone: Dead Leaves And The Dirty Ground

if you can hear a piano fall
you can hear me coming down the hall
if I can just hear your pretty voice
I don't think I need to see at all
don't think I need to see at all

 

Piattaforma Spotify

 

Piattaforma Grooveshark

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.