L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

The Smiths | The Smiths (1984)

10/10/2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Nel momento di massima espansione del Pop più fatuo e sintetico gli Smiths irrompono come un ciclone a suon di chitarre “Jingle Jangle” e testi tanto colti e socialmente impegnati quanto decadenti. Merito del cantante Steven Patrick Morrissey (1959), ambiguo e scontroso al punto giusto per calarsi nel ruolo di star, e del talentuoso chitarrista Johnny Marr (1963), innamorato degli anni 60. Finché dura il delicato equilibrio tra i due le cose reggono, ma è come camminare sulle uova e la frittata arriva nel giro di pochi anni.

 

The Smiths
Rough Trade, 1984 – ★★★★

Manchester come territorio d'azione e punto d'osservazione privilegiato sulle contraddizioni crudeli dell'Inghilterra thatcheriana. I tempi, i luoghi e i personaggi giusti, insomma, per accendere la miccia della rinascita del Pop inglese. Velvet e Byrds sono dietro l'angolo, ma i limpidi riff chitarristici di Marr e la voce salmodiante di Morrissey regalano un fascino inedito e ipnotico a Hand In Glove e Reel Around The Fountain.

 

Canzone: Hand In Glove

Hand in glove
The sun shines out of our behinds
No, it's not like any other love
This one is different - because it's us

Hand in glove
We can go wherever we please
And everything depends upon
How near you stand to me

 

Piattaforma Spotify

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.