L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Madonna | Ray Of Light (1998)

13/03/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Limitate doti vocali, ballerina più che sufficiente, attrice modesta, regista velleitaria: Madonna Louise Veronica Ciccone (1958, famiglia originaria di Pacentro, in Abruzzo) sembra non eccellere in nulla, eppure è l'unica a riempire gli stadi a trent'anni dall'esordio, e a vendere comunque più dischi di tutte le rivali Pop. Nessuno come lei è stato capace di trasformare le tante debolezze in un'unica grande forza: il che, unito a uno straordinario fiuto nello scegliersi i collaboratori giusti al momento giusto, ha fatto di Madonna la regina del Pop dagli anni 80 in avanti. Trend setter, tanto nella musica quanto nel look, ha incarnato la pop star a 360 gradi, con una serie di brani, soluzioni musicali e coreografiche che hanno fatto scuola. Sempre protagonista delle cronache, dentro e fuori dallo show-business, grazie a matrimoni (da Sean Penn a Guy Ritchie, a testimonianza dell'amore per il cinema) e figli – suoi o adottati – Madonna fa comunque discutere, anche in virtù del gusto per la provocazione e la capacità di sollevare stupore. Di film ne ha interpretati (‘Cercasi Susan disperatamente’, ‘Shanghai surprise’, ‘Dick Tracy’, ‘Evita’...) e diretti (‘Sacro e profano’, 2008, e ‘W.E. Edward e Wallis’, 2011) senza mai incendiare gli animi, ma con l'onestà dei migliori principianti.

 

Ray Of Light
Maverick, 1998 – ★★★

La maternità, i quarant'anni, il trasferimento del quartier generale a Londra comportano un brusco cambio di strategia. Plasmata dai trattamenti Ambient di un mago della tecnologia, William Orbit alla produzione, Madonna offre un volto più maturo e conturbante, ipnotico, scuro, magnetico. Le giova molto.

 

Canzone: Frozen

You only see what your eyes want to see
How can life be what you want it to be
You're frozen
When your heart's not open

You're so consumed with how much you get
You waste your time with hate and regret
You're broken
When your heart's not open

 

 

 

 

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.