L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

The Soft Boys | Underwater Moonlight (1980)

10/04/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Non hanno solo rivelato il genio visionario di Robyn Hitchcock (1953), ma in due album a cavallo tra anni 70 e 80 i Soft Boys da Cambridge hanno indicato una via tutta personale al Pop-Rock psichedelico, infarcendolo di nonsense surreale, unendolo all'eclettismo dell'allora nascente New Wave e all'energia del Punk. Scioltisi nel 1980, si sono riuniti brevemente nel 2002, a beneficio di un culto sempre crescente.

 

Underwater Moonlight
Armageddon, 1980 – ★★★★★

Se il primo album metteva in luce in modo dirompente una creatività esplosiva e senza limiti, Underwater Moonlight aggiusta il tiro e regala una decina di gemme destinate nel tempo a trovare sempre più estimatori grazie ad alcune generose ristampe (su tutte, quella della Rykodisc del 2001, con demo, inediti e versioni alternative). Dal Power Pop di I Wanna Destroy You alle soffici evoluzioni della title track, attraverso i Byrds lisergici di Queen Of Eyes e il Punk psichedelico di Positive Vibrations, viene consegnato alla storia il piccolo capolavoro di una band unica. Dopo lo scioglimento, avvenuto di lì a poco per lasciare spazio alla logorroica ed esuberante carriera solista del leader (mentre Kimberley Rew fonda Katrina & The Waves, quelli del tormentone Walking On Sunshine), il loro testimone sarà raccolto da R.E.M. e dB's, cultori della primissima ora.

 

Canzone: Positive Vibrations

Positive vibrations
Shine through all creation
Positive vibrations
Unite all the nations

There you go drillin' for peace
Don't you know
You'll never get peace anymore?
Just get war

Positive vibrations
They call at all stations
Forget your paranoia
It'll only destroy ya

 

 

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.