L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

B.B. King | King Of The Blues 1949-91 (1992)

15/05/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Nessun bluesman è riuscito a coniugare longevità, creatività e successo di massa come B.B. King (al secolo Riley King, 1925), chitarrista raffinato dagli assolo stilizzati e cantante dalla complessa tessitura vocale che spazia dai toni medi al falsetto prolungato. Con 14 Grammy e un'infinita messe di onorificenze e album ai primi posti delle classifiche, King è l'artista Blues più popolare del dopoguerra. Un lungo viaggio che muove dal nativo Delta Blues e arriva sino al Mainstream, passando per Jump Blues, Stompin' R&B, Soul, Swing, attraverso una nutrita serie di collaborazioni con star del Rock e del Pop. Dal debutto discografico nel 1949 fino ai primi 60 pubblica una trentina di album per svariate etichette, allargando progressivamente tour e popolarità al pubblico Rock. Del 1970 la sua consacrazione Pop con The Thrill Is Gone. Nell'incessante attività concertistica, con punte di 300 date all'anno, spicca l'impegno nelle carceri americane che gli vale la nomina a vicepresidente della FAIRR, fondazione per la riabilitazione dei detenuti. Nel dicembre 1997 suona in Vaticano per Papa Giovanni Paolo II, al quale regala una replica della sua mitica chitarra Lucille. Una catena di club disseminati negli Stati Uniti porta il suo nome. La discografia, già densissima e resa straripante e incontrollabile dall'ingentissimo numero di antologie e compilation, contiene gli album più significativi a partire dal 1968 e le antologie più rappresentative.

 

King Of The Blues 1949-91
MCA, 1992 – Box 4 CD – ★★★

Dal suo brano d'esordio del 1949, Miss Marta King (dedicato alla moglie), a storici successi come The Thrill Is GoneSweet SixteenWhy I Sing The Blues, fino a una vibrante versione anni 90 di Since I Met You Baby, questo box contiene tutto quanto c'è da ascoltare di B.B. King. Brani che ne esaltano la flessibilità stilistica, e soprattutto la sua immagine di arguto raconteur del Blues, in cui le sfumature del canto e l'eloquenza dei fraseggi chitarristici sono uno spaccato di puro lirismo afroamericano.

 

Canzone: The Thrill Is Gone

You know I'm free, free now baby
I'm free from your spell
Oh I'm free, free, free now
I'm free from your spell
And now that it's all over
All I can do is wish you well

 

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.