L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Joy Division | Unknown Pleasures (1979)

22/05/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

È con tutta probabilità la band più importante e influente sorta dalle ceneri del Punk: l'influenza dei Joy Division si estende ben oltre la breve parabola di vita del gruppo, interrottasi bruscamente con il suicidio del cantante Ian Curtis (1956-1980), dopo appena un paio d'anni di carriera. Gli altri membri della band hanno poi fondato i New Order.

 

Unknown Pleasures
Factory, 1979 – ★★★

L'album d'esordio del gruppo pilotato dal cantante Ian Curtis è l'emblema del Post-Punk inglese che si contamina con la claustrofobia sonora dei sintetizzatori e l'elettricità in pseudo-feedback delle chitarre. A evolversi è un'inquietante ragnatela musicale che vede stagliarsi la voce ipnotica e spettrale di Curtis. Il Dark movement muove così i primi passi attraverso i catacombali e reiterati R'n'R dei brani She's Lost Control e Shadowplay, nonché lungo l'incedere funereo di Day Of The Lords. Più che rabbia nuda e cruda, il repertorio-capolavoro dei Joy Division fagocita un senso cosmico di frustrazione, al cospetto del quale non ci si può che arrendere.

 

Canzone: Shadowland

To the centre of the city where all roads meet, waiting for you,
To the depths of the ocean where all hopes sank, searching for you,
I was moving through the silence without motion, waiting for you,
I a room with a window in the corner I found truth.

 

 

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.