L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

The Prodigy | The Fat Of The Land (1997)

28/08/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Essex, 1991. Mentre impazzano i rave e l'Acid House, Liam Howlett (1971), a tutti gli effetti il leader del gruppo, dà vita ai Prodigy con la complicità di un rapper (l'MC Maxim, 1967) e due breakdancer (Keith e Leroy). Sono la faccia Punk del Drum'n'Bass e, insieme a Fatboy Slim e Chemical Brothers, sono la realtà di Elettronica più significativa degli anni 90, con un grossissimo seguito di pubblico (che continua ancora oggi) in tutto il mondo. Area in cui il rinnovamento pare arduo, a essere in picchiata è invece l'originalità della proposta: il timore è che i Prodigy siano un po' bolliti.

 

Fat Of The Land
XL, 1997 – 

È la consacrazione finale del gruppo nel circo Rock. Già, perché i Prodigy, con questo album, oltre la Techno, l'Acid House e l'Hip-Hop, sembrano sempre più decisi a “suonare” Rock. L'uso di veri strumenti (inserti di chitarre, utilizzo di una vera batteria) e la complicità di diversi rapper e vocalist (dai Beastie Boys a Kool Keith a una cantante anglo-asiatica) rendono i brani più vere e proprie canzoni che progressioni di musica Dance.

 

Canzone: Breathe

Breathe with me
Breathe the pressure
Come play my game
I'll test ya
Psycho-somatic addict-insane
Come play my game

 

 

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.