L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

John Mayall | Bluesbreakers With Eric Clapton (1966)

04/09/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il cantante, armonicista e chitarrista inglese John Mayall (1933), padrino del Blues d'oltremanica, cresce a Manchester dove sino ai 30 anni suona part time con gruppi amatoriali Blues e Skiffle. Su consiglio di Alexis Korner, nel '63 si trasferisce a Londra e forma i Bluesbreakers, formazione aperta nella quale militeranno musicisti poi divenuti rockstar come Eric Clapton, che proprio con la band conquista la sua prima grande fama. L'elenco di chi ha suonato con Mayall corrisponde a un vero, interminabile “who's who” della scena Rock-Blues inglese tra 60 e 70. È questo, infatti, il suo periodo più creativo, caratterizzato da una continua ricerca che dal Blues di Chicago si spinge dapprima verso forme Jazz e successivamente formule elettroacustiche sempre più lontane dal Rock-Blues mainstream. Nuova energia dalla produzione discografica di fine secolo, che diventerà poi più di maniera, senza però mai intaccare la qualità degli show dal vivo.

 

Bluesbreakers With Eric Clapton
Decca, 1966 – 

Dall'attacco al fulmicotone di All Your Love di Otis Rush (con i suoi repentini cambiamenti di tempo) e What I'd Say a momenti più riflessivi come Parchmam Farm, con Mayall impegnato in un torrido dialogo antifonale per voce e armonica, uno degli album cardine del Blues inglese. Scintille con la superba chitarra di Eric Clapton che, seppur soffocata dal carisma di Mayall, si consacra al Blues dopo l'esperienza con gli Yardbirds e in attesa del decollo con i Cream. Mayall è ormai un punto di riferimento per i musicisti bianchi e il suo gruppo una fucina di talenti.

 

Canzone: All Your Love

All the love I miss loving, all the kiss I miss kissing.
All the love I miss loving, all the kiss I miss kissing.
Before I met you baby, never knew what I was missing.

All your love, pretty baby, that I got in store for you.
All your love, pretty baby, that I got in store for you.
I love you pretty baby, well I say you love me too.

 

 

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.