L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Beth Orton | Sugaring Season (2012)

26/02/2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La britannica Beth Orton (1970) è un’artista dal percorso singolare: ispirata dal Folk intimista di Nick Drake, Tim Buckley, John Martyn e Bert Jansch, mescola questo sound alle sonorità Elettroniche inglesi degli anni 90. L’album Central Reservation rivela al meglio questa formula, che in seguito verrà accantonata in favore di sonorità più tradizionali.

 

Sugaring Season
ANTI-, 2012 – ★★★★

Messe da parte le contaminazioni elettroniche, Orton immerge le nuove composizioni in un raffinato Folk-Pop. Ne esce un lavoro maturo, votato alla profondità. Alla consolle troviamo il marito e produttore di Laura Veirs Tucker Martine (My Morning Jacket, Decemberists, Sufjan Stevens). Il cuore del disco viene registrato in presa diretta, con la collaborazione di musicisti di prima grandezza come Sebastian Steinberg, Brian Blade e Marc Ribot. Il resto viene aggiunto in un secondo momento, ma senza mai strafare: gli arrangiamenti spiccano per gusto, delicatezza, e amplificano al meglio la raffinata sensibilità del songwriting.

 

Canzone: Magpie

Oh crow, oh crow
I’m sitting here wondering what you know
You see more of the day than I could dream

And I do not know what to tell you
I do not know what to say to you
I do not know what will set you free

But it’s a hard, hard fight
A hard, hard fight

 

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.