L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Zucchero “Sugar” Fornaciari | Oro, incenso & birra (1989)

01/04/2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Già alla fine dei 60 e nei primi 70 Adelmo Fornaciari in arte Zucchero (1955), originario della provincia di Reggio Emilia, si impegna in campo musicale partecipando a una serie di gruppi: I Duca, Gli amici del mare e Taxi. Al concorso di Castrocaro 1981 ci arriva con Canto te, e poi con Una notte che vola via partecipa al Festival di Sanremo 1982. Un inizio incerto non ancora orientato verso le sonorità Rhythm and Blues che lo porteranno a confezionare canzoni di grande successo. Caparbiamente arriverà a collaborare e cantare al fianco di Joe Cocker, Eric Clapton, Paul Young, Sting, Pavarotti, solo la punta dell'iceberg di una serie di collaborazioni da far invidia al mondo intero.

 

Oro, Incenso & Birra
Polydor, 1989 – ★★★★★

È un momento di grazia per Zucchero, che pescando sapientemente nel bacino della musica nera e saccheggiando con gusto dalla storia e dai suoi epigoni, confeziona un album godibilissimo, furbo, capace di suscitare una sorta di unanimismo. Il disegno è congegnato con abilità sopraffina, chiamando a raccolta collaboratori eccellenti, le cui qualità non hanno prezzo, con il vantaggio di una ricaduta di fama e lustro inestimabili. Ennio Morricone arrangia e dirige Libera l'amore, Francesco De Gregori scrive Diamante, Eric Clapton ci mette la chitarra: il tutto a coronare una sequenza di brani del tutto riusciti, Overdose (d'amore)Madre dolcissima, Diavolo in meA Wonderful World tra le più organiche al progetto del facile consumo.

 

Canzone: Diamante

Respirerò, 
l'odore dei granai 
e pace per chi ci sarà 
e per i fornai 
pioggia sarò 
e pioggia tu sarai 
i miei occhi si chiariranno 
e fioriranno i nevai. 
Impareremo a camminare 
per mano insieme a camminare 
domenica. 

Aspetterò che aprano i vinai 
più grande ti sembrerò 
e tu più grande sarai 
nuove distanze 
ci riavvicineranno 
dall'alto di un cielo, Diamante, 
i nostri occhi vedranno. 

 

 

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.