L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Prince | Purple Rain (1984)

22/04/2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Egocentrico, sfacciato e ricco di talenti, Prince Rogers Nelson (1958-2016) di Minneapolis è l’incarnazione più avanzata della Black Music degli anni 80 grazie a un mix irresistibile di Pop, Rock, Funk, R&B e Soul, centrifugati e restituiti in un suono personale. La sua scalata al successo è lenta, ma inesorabile e culmina nella seconda metà degli anni 80 in progetti ambiziosi che uniscono musica, cinema, video, esibizioni dal vivo. Erede di Sly Stone e James Brown, mette il sesso al centro della propria musica, ricevendo gli strali delle cosiddette mamme di Washington, riunite nell’associazione Parents Music Resource Center fondata da Tipper Gore per difendere la gioventù americana dai messaggi violenti o volgari forniti dalla musica. Negli anni 90 problemi contrattuali con la Warner e alcune scelte artistiche sbagliate macchiano una carriera altrimenti sfavillante. Prince vi rimedia negli anni successivi con alcuni lavori di alto profilo e soprattutto con esibizioni abitualmente prodigiose. È fra i primi artisti a credere e investire nella produzione e diffusione di musica indipendente tramite la Rete. Al suo attivo anche un probante impegno nel cinema, che dal 1984 al 1990 ha fruttato ben 4 film (3 dei quali anche come regista): poi la passione dev’essersi spenta e la strada è abbandonata.

 

Purple Rain
WB, 1984 – ★★★★

I confini dell’universo di Prince si espandono al ritmo della sua musica, con un successo impetuoso, che stavolta accomuna il film e il disco dallo stesso titolo. Il ragazzo, naturalmente, è anche attore-regista plenipotenziario della pellicola dai contenuti autobiografici. Ora al suo fianco spunta la band dei Revolution e figure che ritroveremo per qualche tempo, Morris Day (Time) e Apollonia Kotero, a cui Prince si dedica di lì a poco come produttore. Le canzoni dell’album ne fanno un “must” assoluto: Let’s Go Crazy, I Would Die 4 You, ma in particolare When Doves Cry e la struggente Purple Rain con cui Prince “visita” un altro dei suoi totem, Jimi Hendrix.

 

Canzone: Purple Rain

I never meant to cause you any sorrow
I never meant to cause you any pain
I only wanted to one time to see you laughing
I only wanted to see you
Laughing in the purple rain

Purple rain, purple rain
Purple rain, purple rain
Purple rain, purple rain
I only wanted to see you
Bathing in the purple rain

 

 

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.