L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Nick Cave & The Bad Seeds | The Boatman’s Call (1997)

23/09/2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Conclusa l'avventura nei Birthday Party, l'australiano Nick Cave (1958) forma a Berlino i Bad Seeds, band multiforme in cui l'accompagnano il fidato Mick Harvey e l'amico Blixa Bargeld (Einstürzende Neubauten), poi sostituito da Warren Ellis (Dirty Three). All'etichetta di autore maledetto, di rocker scuro e sulfureo, affiancherà quella di scrittore, poeta e romanziere (pubblicato anche in Italia): Nick farà capolino anche nei cinema, come attore in piccole parti e per alcune colonne sonore. L'ultima a cui ha contribuito, uscita nell'aprile 2012 (Lakeshore Records), è stata composta insieme al fido Ellis per il film ‘Days of Grace’ del regista messicano Everardo Valerio Gout. Da segnalare anche la sceneggiatura, e le musiche, per il film ‘Lawless’, di John Hillcoat, presentato al Festival di Cannes 2012. Tra le attività collaterali, anche il brillante side-project dei Grinderman. Nel 2014 è protagonista del film-documentario diretto da Iain Forsyth e Jane Pollard ‘20,000 Days On Earth’, premiato al Sundance Film Festival.

 

The Boatman's Call
Mute, 1997 – ★★★

Uno dei capolavori dell'australiano, quello più intimamente vissuto e sofferto, tocca temi romantici e dubbi religiosi evidenziando suoni ridotti all'osso e proprio per questa ragione ancora più toccanti. Il brano d'apertura, Into My Arms, è un'orazione per voce e piano che s'impone subito come must dell'intero album. Ma parecchie sono le gemme incastonate dentro questo progressivo ammorbidirsi del pensiero Dark da sempre caro a Nick Cave: Brompton Oratory, West Country GirlBlack HairIdiot Prayer, con una menzione particolare per la dolcissima Line Tree Arbour, la drammaturgica Where Do We Go Now But Nowhere? e la scarna Green Eyes.

 

Canzone: Into My Arms

I don't believe in an interventionist God
But I know, darling, that you do
But if I did I would kneel down and ask Him
Not to intervene when it came to you
Not to touch a hair on your head
To leave you as you are
And if He felt He had to direct you
Then direct you into my arms

Into my arms, O Lord
Into my arms, O Lord
Into my arms, O Lord
Into my arms

 

 

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.