Definizioni d'autore

Facebook Twitter Google+ Feed RSS
CIVILE_340x312px

Civile

“È civile denunciare la corruzione, i soprusi, l’ingiustizia, in ogni ambito, perché rende la società libera e leale.”
Così la pensa Milena Gabanelli.

Redazioni Lessicografiche Zanichelli 07/04/2015
ENERGIA_340x312px

Energia

“Se volete mettere in imbarazzo una persona, chiedetele cos’è l’energia…”

Redazioni Lessicografiche Zanichelli 18/03/2015
DONNA340x312px

Donna

“Vanta un’etimologia assai nobile e promettente (domina, nientemeno) totalmente mistificata e tradita nel corso dei secoli.”
Scopri la #definizionedautore di Lella Costa.

Redazioni Lessicografiche Zanichelli 06/03/2015
SOQQUADRO_340x312px

Soqquadro

“Nonostante l’uso piuttosto raro, gode di una certa notorietà poiché è l’unica parola italiana che si scrive con due q.”
Alessandro Baricco

Redazioni Lessicografiche Zanichelli 23/02/2015
VOCE_340x312px

Voce

“La voce, quale matrice della parola e suono costantemente in trasformazione, ci appartiene dalla nascita…”
Gianna Nannini

Redazioni Lessicografiche Zanichelli 13/02/2015
SCENA_340x312px

Scena

“La scena è un tempo, un luogo, un dolore. Il ventre dove il teatro digerisce e genera vita.”
Emma Dante

Redazioni Lessicografiche Zanichelli 10/02/2015
GIOCO_340x312px

Gioco

“Il gioco è un altro mondo, ma fa parte di questo. Ha un tempo suo, uno spazio suo, un senso suo e soltanto suo.”
Stefano Bartezzaghi

Redazioni Lessicografiche Zanichelli 03/02/2015
FRONTIERA_340x312px

Frontiera

“Dietro la frontiera c’era qualcosa insieme di straniero e di mio; capivo (…) che la letteratura è un viaggio fra il noto e l’ignoto e che si è sempre, in qualche modo, anche dall’altra parte.”
Claudio Magris

Redazioni Lessicografiche Zanichelli 26/01/2015
TALENTO_340x312px

Talento

“Il talento è democratico, può nascere dappertutto, ma è raro e difficile da cogliere. È la capacità innata di fare qualcosa come nessun altro.”
Caterina Caselli Sugar

Redazioni Lessicografiche Zanichelli 19/01/2015
NOSTALGIA_340x312px

Nostalgia

“Che si tratti di una malattia (forse della malattia) del nostro tempo – tempo di immigrazioni, di mutamenti repentini e dunque di spaesamenti ontologici – è fuori discussione.”
Paolo Di Stefano

Redazioni Lessicografiche Zanichelli 13/01/2015