Scritture creative

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Scritture raffinate #1

14 settembre 2011
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Benvenuti alla prima puntata di Scritture raffinate.

Aggiornamento! Nell’area dei commenti sono ora online tutte le riscritture. Un nuovo post dice chi ha vinto e spiega perché.

Iniziamo con un testo brevissimo: si tratta di una frase estratta dalla bozza di una lettera da inviare a un quotidiano. In questo passaggio l’autore lamenta la mancanza di attenzione verso alcuni temi ritenuti da lui molto importanti:

Questi temi ben raramente sono oggetto di articolo della stampa locale e neanche salvo raramente in quella nazionale, lo sono ancor meno di discussione aperta.

Dopo aver letto le regole del gioco, proponete la vostra riscrittura usando i commenti qui sotto: avete tempo fino al 28 settembre.
Potete anche mandarci delle proposte di testi da riscrivere usando questo form.

E infine, proprio per tutti, ecco anche il nostro sondaggio.

Il sondaggio

[poll id="6"]

Commenti | 67 risposte

  1. Questi temi raramente sono oggetto di interesse da parte della stampa locale; ancor meno di quella nazionale. La discussione aperta, poi, è praticamente assente. 

  2. Se questi temi non ricevono spesso l’attenzione della stampa locale o nazionale, ancor più raramente sono oggetto di discussioni aperte.

  3. Riscrittura:
    “Questi temi di rado compaiono negli articoli della stampa locale o di quella nazionale, ancor meno sono oggetto di discussione aperta.”

    Anche in questa riscrittura la frase non brilla per costruzione, ma se non altro riscrivendola è comprensibile, e non ci si perde come prima tra punteggiatura messa a sproposito, ripetizioni avverbiali e altri inciampi. :-)

  4. Buon giorno a tutti.

    Provo a spezzare il ghiaccio inviando la mia versione:

    “Questi temi, ben raramente oggetto di articolo della stampa locale e di quella nazionale, lo sono ancor meno di discussione aperta.”

    Forse ho semplificato troppo, ma la frase di partenza per me è piuttosto aggrovigliata e confesso di non averla compresa del tutto.
    Comunque aspetto di leggere altre riscritture.

    Jacopo

  5. Questi temi sono trattati molto di rado della stampa locale e nazionale, e ancor meno sono oggetto di discussione aperta.

  6. Mi sembra un po pesante questo testo , spesso : neanche salvo raramente

    Ci sono poche articoli di questi temi nella stampa locale , ci si trova raramente nella nazionale , sono ancora di meno soggetto di discussione aperta .

  7. Questi temi si trovano molto di rado sulla stampa locale, e così pure su quella nazionale: non sono quasi mai oggetto di una discussione aperta.

  8. Riscrittura:
    Molto di rado questi temi vengono trattati dalla stampa locale o da quella nazionale e ancora meno sono oggetto di una discussione aperta.

  9. Questi temi sono trattati raramente dalla stampa locale e ancor meno da quella nazionale. E’quasi impossibile poi che diventino oggetto di aperte discussioni.

  10. “Questi temi sono affrontati di rado dalla stampa locale e anche la stampa nazionale se ne occupa ben poco. Difficile quindi che nel quotidiano diventino oggetto di discussione aperta.”

  11. La stampa locale si occupa di questi argomenti troppo raramente, quella nazionale mai e non vengono mai discussi.

  12. Cari riscrittori,
    voi non vedete ancora nulla, ma possiamo dirvi che siete già parecchi (e molto bravi!). Come ricorderete (se avete letto le regole nel post precedente a questo), inizieremo a pubblicare i commenti che contengono soluzioni soltanto a gioco scaduto, cioè dopo il 28 settembre. In questo modo evitiamo che i primi a scrivere influenzino quelli che vengono dopo.

    Vi ricordiamo anche che per inviare le vostre riscritture dovete usare proprio quest’area dedicata ai commenti.

    Un grazie per la partecipazione numerosa, e un invito a provarci a quelli che ancora non l’hanno fatto.

  13. Questi temi raramente sono trattati dalla stampa locale e nazionale e più raramente sono oggetto discussione aperta

  14. Questi temi vengono raramente presi in considerazione dalla stampa nazionale e locale, e ancor meno di frequente sono oggetto di discussione aperta.

  15. Questi temi vengono trattati di rado negli articoli della stampa locale e appaiono molto raramente in quella nazionale: ancor meno sono oggetto di discussione aperta.

  16. Questi temi non sono quasi mai oggetto di articolo da parte della stampa locale, come pure, salvo rari casi, di quella nazionale. Ancora meno sono oggetto di discussione aperta.

  17. Questi temi sono trattati raramente dalla stampa locale, a volte da quella nazionale, quasi mai nelle discussioni aperte.

  18. Questo è il classico tema che non interessa alla stampa locale e, a parte qualche eccezione, neanche a quella nazionale. E’ un tema di cui nessuno vuole proprio parlare.

  19. Questi temi raramente sono oggetto di articoli sulla stampa locale o nazionale, e lo sono ancor meno di discussione aperta.

  20. Questi temi, ben raramente sono oggetto di articolo della stampa locale e neanche, salvo poche eccezioni, in quella nazionale; lo sono ancor meno di discussione aperta.

  21. Questi temi non solo non trovano spazio nella stampa locale, ma nemmeno, salvo rari casi,in quella nazionale, così ancor meno diventano oggetto di aperta discussione.

  22. Questi temi raramente sono oggetto di attenzione da parte della stampa locale, ancor più’ raramente di quella nazionale e tanto meno danno origine a una discussione aperta.

  23. Questi temi sono raramente oggetto di un articolo sulla stampa locale. Su quella nazionale neanche raramente; lo sono ancor meno in una discussione aperta.

  24. Nella stampa locale, questi temi vengono affrontati in rari casi.

    Nella stampa nazionale, questi temi vengono affrontati im rari casi, ma – a differenza della stampa locale -sono presenti delle eccezioni.

    Nella discussione aperta, questi temi vengono trattati in maniera sporadica, ancor meno della stampa locale.

  25. Questi temi sono raramente oggetto di articoli nella stampa locale e ancor meno di discussione aperta, salvo rare eccezioni nella stampa nazionale.

  26. Complimenti. Iniziativa interessante. Provo a proporvi la mia riscrittura, certa che dal confronto con quelle che saranno proposte dagli altri trarrò spunti utili per migliorare. Grazie!

    “Questi temi raramente sono trattati dalla stampa locale e nemmeno la stampa nazionale se ne occupa, se non sporadicamente; ancora meno sono oggetto di discussione aperta.”

  27. Questi temi, sfiorati dalla stampa locale e trascurati da quella nazionale, ben poche volte sono oggetto di discussione.

  28. Riscrittura:

    Raramente questi temi sono oggetto di articoli sulla stampa locale e nazionale e ancora meno lo sono di aperte discussioni.

  29. Questi temi raramente appaiono negli articoli di stampa, sia locale che nazionale, e tanto meno se ne discute apertamente.

  30. E’ raro trovare articoli dedicati a questi temi sulla stampa locale o nazionale. Ancor più raro, poi, che diventino oggetto di discussione aperta.

  31. Ecco tre proposte di riscrittura:

    A questi temi la stampa locale dedica poco spazio: raramente si può leggere un articolo, quasi mai c’è la psossibilità di un’aperta discussione. Sulla stampa nazionale, la situazione è appena migliore.

    Sulla stampa locale, raramente capita di leggere un articolo su questi temi. Tantomento c’è spazio per una discussione aperta. Qualche eccezione la si trova sulla stampa nazionale.

    Su questi temi gli articoli sono rari: pochi sulla stampa nazionale, quasi nessuno su quella locale. Ancor più ridotto è lo spazio per un’aperta discussione.

  32. Questi temi solo raramente sono oggetto di articolo di stampa, locale o nazionale, e, con ancor minor frequenza, sono discussi apertamente.

  33. IPOTESI DI RISCRITTURA:
    La stampa si occupa raramente di questi temi, sia a livello locale che nazionale; ancor più di rado di tali temi si discute apertamente.

    COMMENTO:
    1) l’avverbio “raramente” non necessita di essere rinforzato dall’ulteriore avverbio “ben”;
    2)”neanche salvo raramente” complica inutilmente il concetto appena espresso (il disinteresse della stampa);
    3) meglio evitare la ripetizione di “raramente”;
    4) alla forma sostantivata “essere oggetto di” (articolo, discussione) preferisco quella che ricorre all’uso dei verbi “occuparsi” e “discutere” (più fluida): è implicito che quando la stampa “si occupa” di qualcosa, ne fa oggetto di articolo;
    5) meglio la forma attiva che passiva.

  34. La stampa, tranne a volte quella nazionale, raramente si occupa di questi temi; ancor meno se ne parla apertamente.

  35. Questi temi raramente sono oggetto della stampa locale. Ancor meno sono oggetto di discussione aperta, salvo rari casi di articoli sulla stampa nazionale.

  36. RISCRITTURA: Si parla raramente di questi temi nella stampa locale, meno ancora in quella nazionale e quasi mai se ne discute in pubblico.

  37. Questi temi vengono raramente trattati dalla stampa locale e nazionale, e sono ancor meno oggetto di discussione aperta.

  38. Raramente la stampa locale dedica attenzione a questi temi; ancor meno quella nazionale, salvo qualche rara discussione aperta.

  39. Il concetto del “raramente” è ripetuto due volte nella stessa frase, la seconda ricorrenza può tranquillamente essere eliminata senza intaccare il senso.
    Per semplificare la sintassi involuta terrei insieme soggetto (“questi temi”) e predicato (“sono oggetto”). In questo modo “ben raramente” può passare al primo posto e acquisire maggiore importanza. Sempre per alleggerire il periodo, separerei l’ultima proposizione dalle precedenti con un punto fermo al posto della virgola. Quindi:
    Ben raramente questi temi sono oggetto di articoli sulla stampa locale e nazionale. E ancor meno sono oggetto di discussione aperta.

  40. Riscrittura: questi temi raramente sono oggetto di articolo della stampa locale, ancor meno in quella nazionale e neanche lo sono di discussione aperta.

  41. La frase appare subito di difficile lettura e comprensione, fatto principalmente dovuto all’uso ripetuto ed esagerato dell’avverbio ‘raramente’. La proposizione subordinata, inoltre, dà l’impressione di essere connessa in maniera assai labile al significato e all’azione della proposizione principale.

    La mia proposta di riscrittura:

    “Questi temi, che difficilmente vengono affrontati dalla stampa locale e nazionale, altrettanto raramente divengono oggetto di aperto dibattito.”

  42. Questi temi vengono trattati raramente dalla stampa nazionale, eccezionalmente da quella locale e quasi mai costituiscono oggetto di pubblico dibattito.

  43. “Ben raramente questi temi sono fatti oggetto di articolo dalla stampa locale e lo stesso vale anche per quella nazionale, salvo eccezioni. Ancor meno lo sono di discussione aperta.”

    Non ho voluto intervenire su espressioni come “ben raramente”, “oggetto di articolo”, “ancor meno” che trovo così deliziosamente personali e che conferiscono al pezzo qualcosa come il profumo del suo autore originale.

    Bella idea per aprire uno spazio di confronto sull’uso della lingua.

  44. Questi temi raramente sono oggetto della stampa locale, con maggiore rarità, salvo alcune eccezioni, appaiono in quella nazionale, e sono ancor meno presenti in un dibattito.

  45. Questi temi raramente sono oggetto di un articolo della stampa locale o di quella nazionale, ancor meno lo sono di una discussione aperta.

  46. Ben raramente questi temi divengono oggetto di articolo della stampa locale e nazionale ed ancor meno lo sono per una discussione aperta.

  47. Argomenti di cui nessuno scrive, nei giornali locali come in quelli nazionali, e nessuno ne parla.

  48. Raramente questi temi sono oggetto di articoli nella stampa locale, quasi mai in quella nazionale e men che mai sono oggetto di pubblica discussione

  49. Questi temi, che trovano spazio nella stampa locale assai di rado e in quella nazionale solo eccezionalmente, sono ancor meno oggetto di discussione aperta.

  50. Questi argomenti sono trattati raramente nella stampa locale, qualche volta in quella nazionale, quasi mai nella discussione libera.

  51. Ben di rado questi temi sono oggetto di articoli da parte della stampa locale o nazionale, e ancor più raramemte lo sono di una discussione aperta.

  52. Ben di rado questi temi sono oggetto di articoli da parte della stampa locale o nazionale, e ancor più raramente lo sono di una discussione aperta.

  53. Raramente la stampa locale si occupa di questi temi, e solo talvolta possono essere oggetto di attenzione di quella nazionale. Difficilmente vengono trattati in discussioni aperte.

  54. Questi temi ben raramente sono oggetto di articoli sulla stampa locale e ancor più raramente su quella nazionale sono argomento di discussione aperta.

  55. Raramente questi temi vengono trattati dalla stampa locale, solo a volte da quella nazionale e quasi mai sono oggetto di pubblica discussione.

  56. Questi temi sono raramente oggetto di articoli giornalistici, e ancor meno argomento di discussione aperta.

  57. Questi temi sono raramente oggetto di articoli sulla stampa nazionale e ancora meno su quella locale e non vengono affrontati in aperta discussione.

  58. Questi temi, che non vengono quasi mai affrontati in aperta discussione, sono raramente oggetto di articoli sulla stampa nazionale e ancor meno su quella locale.

  59. Questi temi raramente sono oggetto di articolo sia della stampa locale che di quella nazionale, sono ancor meno oggetto di discussione aperta.

  60. Questi temi raramente vengono trattati sulla stampa locale nè, salvo eccezioni, in quella nazionale; e ancor meno lo sono in una discussione aperta.

  61. Buonasera!

    Questi temi sono poco trattati dagli articoli di stampa locale, lo stesso si può dire di quella nazionale, ed ancora più difficile è che siano oggetto di discussione aperta.

    Penso che gli avverbi siano il nodo centrale del restyling. Vorrei avere più tempo:-) per applicarmi ma intanto vi faccio i miei complimenti per l’iniziativa: non si finisce mai di raffinare i testi!

    E’ bello scegliere l’attimo in cui levare una parola stravolgerebbe il senso ed aggiungerne un’altra altrettanto!

    un saluto

    Federica

  62. La prima puntata del concorso di riscrittura si è conclusa, grazie a tutti per la partecipazione. Tornate a trovarci domani, Marina Beltramo e Maria Teresa Nesci sveleranno il vincitore e ci spiegheranno come sarebbe stato meglio scrivere la lettera da inviare al quotidiano locale.

    • Aggiungiamo, in coda, le riscritture che ci sono arrivate via mail:

      Da: Anna D.
      Questi temi ben raramente sono oggetto di attenzione da parte della stampa sia locale sia nazionale e, ancora meno, lo sono di discussione aperta.

      Da: gianna z.
      La stampa locale raramente tratta questi temi; non lo fa neanche quella nazionale, salvo rari casi. Gli stessi temi sono ancora meno discussi apertamente.

      Da: laura a.
      Ben di rado questi temi sono trattati dalla stampa locale, molto raramente da quella nazionale e quasi mai divengono oggetto di discussione aperta.

      Da: Marco C.
      Questi temi, non soltanto sono spesso ignorati sia dalla stampa locale che, salvo rare eccezioni, da quella nazionale, ma non sono neppure oggetto di discussione e confronto.

      Da: Marco F.
      Problemi del testo:
      - ripetizioni (“raramente”),
      - coerenza di numero (metterei “articoli” al posto di “articolo”)
      - confusione nel soggetto e nell’accordo con il verbo (“lo sono ancor meno”),
      - mancano le virgole di un inciso (attorno a “salvo raramente”)
      - testo non scorrevole.
      Riscrittura:
      Raramente questi temi sono trattati nella stampa locale o nazionale, quasi mai sono oggetto di discussione aperta.

      Da: Maria Giovanna G.
      La stampa locale, ma anche quella nazionale, raramente scrive articoli su questi temi e ancor più raramente li propone per una discussione aperta.

      Da: Paolo C.
      Questi temi raramente sono oggetto di articoli sulla Stampa locale e nazionale; lo sono ancor meno quando si affrontano ‘discussioni aperte’.

      Da: Roberta O.
      Questi temi ben raramente sono oggetto di articoli sulla stampa locale e ancor meno di discussione aperta, salvo, seppure raramente, sulla stampa nazionale.

      Da: silvia f.
      Questi temi meriterebbero di essere trattati e approfonditi sulla stampa e di essere oggetto di dibattiti.

      Da: Simonetta C.
      Questi temi raramente sono oggetto della stampa locale e, salvo qualche rara eccezione, di quella nazionale; ancor meno sono l’argomento principale in pubblici dibattiti.

      Da: valentina a.
      Argomenti di cui nessuno scrive, nei giornali locali come in quelli nazionali, e nessuno ne parla.

  63. Pingback: Scritture Raffinate #1: Chi ha vinto | Dizionario di stile | Zanichelli Dizionari più