Scritture creative

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Scritture raffinate #5

15 novembre 2011
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Per la scrittura da raffinare numero 5 rimaniamo in ambito tecnico. Qui i progettisti spiegano, in una proposta di progetto, come dovrebbe funzionare un sistema di prenotazione pasti alla mensa aziendale:

La smart card, oltre a servire per sapere se un utente ha diritto alla riduzione del costo, servirà per sapere quali prenotazioni di piatti egli ha precedentemente effettuato. Sarà dunque necessaria l’installazione di una rete che metta in collegamento i computer all’ingresso, alla cassa e in cucina. Per evitare l’utilizzo di una grande quantità di fili che rovinerebbero anche l’ambiente della mensa, potrà essere realizzata l’installazione di una postazione wifi che permetterà il collegamento in rete.

Se avete qualche idea per migliorare questo breve testo, mandateci un commento con la vostra riscrittura entro martedì 22 novembre. Per capire meglio il meccanismo delle Scritture Raffinate, potete consultare le regole del gioco.

Fino a oggi, hanno vinto: Elisabetta Volpe, Silvia, Maria Cristina Izzo, Dania, Lidia Vinci, Michele Tarsitano. Anche se ci farebbe piacere aumentare il numero delle presenze nell'albo d'oro del concorso, ricordiamo che non esiste una regola (e nemmeno un pregiudizio) che impedisca a chi ha già vinto di vincere ancora.

Il sondaggio

[poll id="14"]

Commenti | 18 risposte

  1. “La Smartcard serve a identificare gli utenti che hanno diritto alla riduzione del costo e a verificare le prenotazioni di piatti già effettuate. Sarà quindi necessario installare una rete che colleghi i computer di ingresso, cassa e cucina; per evitare l’uso di antiestetici cavi di rete nell’ambiente della mensa, si potrà optare per una postazione wifi.”

    Non credo sia necessario ripetere che la postazione wifi serve per il collegamento in rete perché l’informazione viene già data da “cavi di rete” (se l’informazione è diretta a persone con un minimo di competenze tecniche, si può eliminare anche “di rete”). Non mi piace molto l’aggettivo davanti al sostantivo (antiestetici cavi) ma in questo modo si rende più concisa la frase.

  2. La smart card serve per sapere sia se un utente ha diritto alla riduzione del costo,sia quali piatti ha precedentemente prenotato.
    Sarà dunque necessario installare una rete che colleghi i computer all’ingresso, con quelli della cassa e della cucina. Per evitare l’uso di troppi fili, che rovinerebbero anche l’ambiente della mensa,si potrebbe realizzare il collegamento in rete con una postazione Wi-Fi.

  3. La smart card serve per sapere che cosa l’utente ha prenotato e se ha diritto a una riduzione di prezzo. Sarà dunque necessaria l’installazione di una rete che colleghi i computer di ingresso, cassa e cucina. Per evitare l’utilizzo di una grande quantità di fili (che deturperebbero anche l’ambiente della mensa), la rete potrà essere realizzata con una postazione wifi.

  4. Finalmente riesco a partecipare :)

    La prima frase, oltre a essere contorta e per nulla semplice, contiene due ripetizioni, “servire/servirà” e “sapere”. Wifi si scrive wi-fi. Sono state usate inoltre troppe parole.

    La mia soluzione:

    La smart card permette di conoscere i piatti prenotati da un cliente e il suo diritto allo sconto. È necessario installare una rete per collegare i computer all’ingresso, alla cassa e in cucina: una rete wi-fi eviterà l’uso di fili e semplificherà il collegamento.

  5. Oltre a servire per sapere se un utente ha diritto alla riduzione del costo,la smart card servirà per conoscere le prenotazioni di piatti precedentemente effettuati. Sarà dunque necessario installare una rete che metta in collegamento i computer all’ingresso, alla cassa e in cucina. Per evitare l’utilizzo di una grande quantità di fili che rovinerebbero anche l’ambiente, potrà essere realizzata l’installazione di una postazione wi-fi che permetta di collegare la rete.

  6. La smart card indica se l’utente ha diritto alla riduzione del costo e quali piatti egli ha precedentemente prenotato. Sarà dunque necessaria l’installazione di una rete che metta in collegamento i computer all’ingresso, alla cassa e in cucina. Per evitare di rovinare l’ambiente della mensa con numerosi cavi tale rete potrà essere implementata con tecnologia Wi-Fi.

  7. La smart card servirà per sapere se un utente ha diritto alla riduzione del costo e per sapere quali piatti abbia precedentemente prenotato. Sarà dunque necessaria l’installazione di una rete che metta in collegamento i computer all’ingresso, alla cassa e in cucina. Per evitare i fili nell’ambiente della mensa, potrà essere realizzata una postazione wifi.

  8. La smart card dovrà servire per sapere se un utente ha diritto alla riduzione del costo, e inoltre servirà per sapere quali prenotazioni di piatti egli ha già fatto. Sarà dunque necessaria l’installazione di una rete che colleghi i computer all’ingresso, alla cassa e in cucina. Per evitare l’utilizzo di troppi fili che rovinerebbero anche l’ambiente, si potrà realizzare l’installazione di una postazione wifi che permetterà il collegamento in rete.

  9. Per la prenotazione dei pasti nella mensa aziendale sarà attivata una smart card in grado di informare l’utente su eventuali sconti e sulle prenotazioni già effettuate.
    L’installazione di una rete Wi-Fi collegherà in simultanea i computer dell’ingresso, della cassa e della cucina.
    Velocità ed efficienza per una migliore organizzazione.

  10. La smart card, oltre ad informare l’utente su eventuali sconti a lui spettanti, servirà per sapere quali sono le prenotazioni di piatti già effettuate a suo nome.

    Sarà dunque necessaria l’installazione di una rete che metta in collegamento i computer posti all’ingresso, alla cassa e in cucina.

    Onde evitare l’utilizzo di una grande quantità di fili, che rovinerebbero l’ambiente della mensa, sarà possibile installare una postazione wifi che permetta il collegamento alla Rete.

  11. La smart card serve per sapere se il possessore ha diritto ad una riduzione del costo, e quali piatti ha prenotato in precedenza. Perciò è necessario installare una rete che colleghi i computer posti all’ingresso della mensa con la cassa e con la cucina, attraverso una postazione wifi che eviti la presenza di troppi fili nell’area della mensa.

  12. La smart card, oltre a servire per sapere se un utente ha diritto alla riduzione del costo, consentirà di conoscere quali piatti egli ha prenotato in precedenza. Sarà dunque necessaria l’installazione di una rete che colleghi i computer all’ingresso, alla cassa e in cucina. Una postazione wifi per il collegamento in rete eviterà che una grande quantità di fili attraversino la mensa.

    Ho cercato nella riscrittura di rendere il testo più semplice, evitando ripetizioni.

  13. Si notano ripetizioni e lungaggini inutili (oltre a servire per sapere- servirà per sapere- metta in collegamento- permetterà il collegamento), termini del linguaggio burocratico: “effettuato” (definito pesante dal Tommaseo), “utilizzo” (che è un mozzicone di utilizzazione-francesismo) e l’uso di “egli”, ormai in disuso. Il tutto risulta molto “indigesto”. Riformulerei così:

    La smart card servirà per sapere se un utente ha diritto alla riduzione del costo e i (suoi) piatti prenotati in precedenza. Sarà dunque necessaria l’installazione di una rete per il collegamento dei computer all’ingresso, alla cassa e in cucina mentre la realizzazione di una postazione wifi, per la connessione in rete, eviterà l’eccesso di fili che rovinerebbero l’estetica dell’ambiente mensa.

  14. La smart card, oltre a indicare se un utente ha diritto a riduzioni di prezzo, indica anche quali prenotazioni di piatti l’utente ha precedentemente fatto. Sarà dunque necessaria l’installazione di una rete che colleghi i computer all’ingresso, alla cassa e in cucina. Per evitare i fili (di sgradevole impatto estetico nell’ambiente della mensa) la rete potrà essere di tipo wifi.

  15. La smart card, oltre mostrare se un utente ha diritto a riduzioni, mostra anche le prenotazioni di piatti precedentemente effettuate. Per questo motivo sarà necessario installare una rete che metta in collegamento i computer all’ingresso, alla cassa e in cucina. Per evitare l’utilizzo di una eccessiva quantità di fili, potrà essere realizzata l’installazione di una postazione wifi che permetterà il collegamento in rete.

  16. La smart card, oltre ad indicare se l’utente ha diritto allo sconto, servirà a memorizzare le sue prenotazioni. Sarà necessario installare una rete tra i computer all’ingresso, alla cassa e in cucina; con una postazione wifi non si rovinerà l’estetica dell’ambiente mensa.

  17. La smart card, tra le varie funzioni, ha quella di segnalare eventuali riduzioni a cui ha diritto l’utente, e di memorizzare le precedenti prenotazioni di piatti. Per rendere possibili tali funzioni sarà necessaria l’installazione di una rete che metta in collegamento i computer all’ingresso, alla cassa e in cucina. Inoltre, per evitare l’ingombro di numerosi fili, potrà essere realizzata l’installazione di una postazione wifi.

  18. Ecco tutte le riscritture che ci sono arrivate. Tra poco un nuovo post proclamerà il vincitore di questa puntata.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.