Scritture creative

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Scritture raffinate #6

29 novembre 2011
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Dopo le riscritture di testi tecnici, cambiamo decisamente genere. Nella sesta scrittura da raffinare abbiamo a che fare con una e-mail scritta da uno studente universitario a un docente, per avere alcune informazioni (il nome dello studente è fittizio):

salve prof, sono uno studente del suo corso. Per motivi di salute non ho potuto essere a lezione nelle ultime due settimane :'(
Avrei bisogno di sapere da Lei alcune cose:
- Il risultato della prima prova svolta in data 12 marzo
- E’ ancora possibile iscriversi alla seconda prova?
- Infine, se il risultato della prima prova è insufficiente, si può rifare?
La ringrazio e le porgo distinti saluti
rossi bruno

 

Se vi sembra che in questo testo ci siano errori o inadeguatezze proponete la vostra riscrittura e, se volete, l'elenco dei problemi. Per inviarci la vostra proposta avete tempo fino a martedì 6 dicembre. Se avete dubbi sul funzionamento del gioco potete leggere le regole.

Vi ricordiamo che eventuali vostre proposte di testi da raffinare vanno inviate usando il pulsante Scrivici, nella colonna a sinistra, sopra l’archivio dei post.

Il sondaggio

[poll id="15"]

 

 

Commenti | 17 risposte

  1. Gentile professore,
    mi chiamo Bruno Rossi, sono uno studente del suo corso.
    Nelle ultime due settimane non ho potuto frequentare le lezioni per problemi di salute, pertanto volevo chiederLe:
    - come posso avere i risultati della prova del 12 marzo
    - se in caso di insufficienza è possibile ripeterla
    - se è ancora possibile iscriversi alla seconda prova.
    La ringrazio,
    distinti saluti
    Bruno Rossi.

    - avrebbe dovuto indicare il cognome del professore e il nome del corso
    - nome e cognome dello studente vanno in maiuscolo, io li metterei anche all’inizio come presentazione
    - ho tenuto l’elenco, ma ho messo prima la domanda sulla possibilità di ripetere la prova, perché cronologicamente viene prima della seconda prova, o comunque va messa vicina all’altra domanda sulla prima prova.
    - l’abbrevizione prof e il sorrisino non fanno parte della lingua scritta formale come dovrebbe essere una mail ad un docente che per di più si conclude con una frase formalissima come “le porgo distinti saluti” e contiene un “Lei” maiuscolo
    - ho invertito cognome-nome dopo i saluti perché così mi sembrava troppo burocratico…

  2. salve prof, sono uno studente del suo corso. Per motivi di salute non ho potuto essere a lezione nelle ultime due settimane :’(
    Avrei bisogno di sapere da Lei alcune cose:
    - Il risultato della prima prova svolta in data 12 marzo
    - E’ ancora possibile iscriversi alla seconda prova?
    - Infine, se il risultato della prima prova è insufficiente, si può rifare?
    La ringrazio e le porgo distinti saluti
    rossi bruno

    Inesattezze ed errori:

    La prima parola si scrive in maiuscolo. Sarebbe meglio esordire con un “Buongiorno”.
    L’abbreviazione colloquiale “prof” è segno di maleducazione. Eviterei anche le emoticon, in fondo si scrive a un insegnante, non a un amico.

    Il “Lei” in maiuscolo è troppo burocratico e può essere evitato, secondo me.

    E’ va scritto nella forma È.

    L’ultima richiesta è una frase non corretta.

    Le informazioni che lo studente richiede vanno scritte in modo discorsivo e non come nella lista della spesa. Inoltre è meglio usare più paragrafi, quindi più spazi, fra i testi per una migliore leggibilità.

    Nome e cognome vogliono l’iniziale maiuscola. Va scritto prima il nome e poi il cognome.

    La mia proposta:

    “Buongiorno Professore,

    sono Bruno Rossi, uno studente del suo corso.

    Purtroppo sono mancato a lezione nelle ultime due settimane per motivi di salute.

    Gradirei conoscere il risultato della prima prova svolta il 12 marzo. Se fosse insufficiente, posso ripetere l’esame? Sarei ancora in tempo per iscrivermi alla seconda prova?

    La ringrazio in anticipo per la risposta.

    Cordiali saluti,

    Bruno Rossi”

  3. Salve Prof,
    Sono uno studente del suo corso. Per motivi di salute :’( non sono venuto a lezione nelle ultime due settimane e avrei bisogno di sapere da lei alcune cose:
    - Il risultato della prima prova svolta il 12 marzo
    - Se è ancora possibile iscriversi alla seconda prova
    - Infine, se si può ripetere la prova in caso il risultato non sia sufficiente.
    La ringrazio e le porgo distinti saluti
    Bruno Rossi

  4. Ecco la proposta di riscrittura:

    Buongiorno professoressa,
    sono uno studente del suo corso. Per motivi di salute non ho potuto essere a lezione nelle ultime due settimane.
    Avrei bisogno di sapere:
    - il risultato della prima prova svolta il 12 marzo;
    - se è possibile rifare la prima prova, nel caso in cui il risultato sia stato insufficiente;
    - se è ancora possibile iscriversi alla seconda prova.
    Ringraziando porgo cordiali saluti
    Bruno Rossi

    Il testo proposto mi è sembrato troppo informale e non adatto a un rapporto tra studente e insegnante, in cui andrebbe conservato uno stile per lo meno più neutro (quindi niente abbreviazioni colloquiali ed emoticon, da riservare a messaggi tra amici). Il tono è comunque discontinuo e in chiusura è utilizzata una formula di saluto molto più formale (“distinti saluti”).

    Il breve elenco di richieste (con la formula impacciata iniziale “Avrei bisogno di sapere da Lei alcune cose” in cui, oltre alla maiuscola del pronome – anche qui in contrasto con l’apertura colloquiale “salve prof”, e comunque di sapore sempre molto burocratico) passa dall’uso del sostantivo nel primo punto alla forma verbale delle successive domande – che sono dirette, chiuse dal punto interrogativo, a differenza della prima.
    Nella terza richiesta “infine” usato come congiunzione per introdurre la domanda è inutile.

    In tutto il messaggio c’è un uso altalenante delle maiuscole: l’esordio con il saluto è in lettera minuscola, i tre punti dell’elenco di richieste sono invece introdotti dalla maiuscola (non c’è punteggiatura alla fine della prima domanda); la firma è in tutto minuscolo.

    Nella firma il cognome precede il nome: nessuno ha raccontato allo studente l’episodio di Carducci all’università di Bologna (http://dizionari.corriere.it/dizionario-si-dice/N/nome-e-cognome-cognome-e-nome.shtml)?

    Per finire (anche se nel testo è all’inizio): l’abbreviazione prof (nel testo proposto senza punto finale) non distingue tra maschile e femminile; dovendo scegliere, io ho immaginato che l’ipotetico destinatario sia una donna.

  5. Si notano vari problemi e inadeguatezze. Alcuni esempi evidenti:

    – incongruenze di registro, con scelte lessicali e stilistiche che vanno dal molto formale (maiuscola reverenziale) al neutro (salve, di solito usato per evitare la scelta del pronome allocutorio) al decisamente informale (prof come sostantivo, uso di emoticon);
    – uso incoerente di maiuscole e minuscole (andando per il sottile, anche E’ anziché È);
    – firma con il cognome che precede il nome.

    La riscrittura che propongo ha come interlocutore un docente non giovanissimo che si aspetta un registro formale anche se il mezzo di comunicazione è l’email.

    Gentile Prof. nome,

    sono Bruno Rossi, uno studente del corso nome del corso. Per problemi di salute, nelle ultime due settimane non ho potuto frequentare le sue lezioni e mi mancano alcune informazioni che spero possa farmi avere:

    – Il risultato della prova di esame che ho sostenuto in data 12 marzo
    – In caso di insufficienza, le modalità per sostenere di nuovo la prova
    – Il termine ultimo per iscriversi alla seconda prova

    La ringrazio e le porgo distinti saluti,

    Bruno Rossi

  6. “Salve” e “prof” senza punto di abbreviazione (tra l’altro minuscolo): troppo amichevole. Senza arrivare al troppo ossequioso “Egregio” scelgo un classico “Buongiorno”. Che sia uno studente del suo corso è chiaro e non c’è bisogno di sciverlo. Il saluto iniziale va scritto da solo nella prima riga e dopo si va a capo. No agli emoticon in questa sede. Non ha chiuso con il punto la prima richiesta. “Infine” non serve: è l’ultima richiesta, chiaro lo sia. Nell’elenco usa due domande dirette ed una indiretta. Gusto personale: non gradisco il burocratico “Distinti saluti” (distinti da che?) che sostituisco con “Con cordialità”. Firma: prima il nome e poi il cognome, sempre maiuscolo. Ecco la mia riscrittura:
    Buongiorno Professore.
    Motivi di salute mi hanno impedito di seguire le lezioni delle ultime due settimane. Avrei bisogno di alcune informazioni:
    - L’esito della prima prova, svolta il 12 marzo.
    - Se è ancora possibile iscriversi alla seconda prova.
    - Se è possibile, in caso di risultato insufficiente, ripetere la prima prova.
    Con cordialità
    Bruno Rossi

  7. Gentile prof.ssa,
    sono uno studente del suo corso. Per motivi di salute non ho potuto essere a lezione nelle ultime due settimane, pertanto avrei bisogno di sapere alcune cose:
    - Il risultato della prima prova svolta in data 12 marzo;
    - Se è ancora possibile iscriversi alla seconda prova;
    - Se si può rifare la prima prova in caso di insufficienza.

    La ringrazio e le porgo distinti saluti

    Bruno Rossi

  8. Gentile Prof.,
    sono uno studente del suo corso. Per motivi di salute non ho potuto frequentare le Sue lezioni nelle ultime due settimane, e avrei bisogno di sapere da Lei alcune cose:
    - Il risultato della prima prova svolta in data 12 marzo
    - Se il risultato della prima prova è insufficiente, si può rifare?
    - E’ ancora possibile iscriversi alla seconda prova?

    La ringrazio e Le porgo distinti saluti

    Rossi Bruno

  9. Salve prof,
    sono uno studente del suo corso.

    Per motivi di salute non sono stato presente alle lezioni delle ultime due settimane.
    Pertanto avrei alcune richieste da farle.
    Innanzitutto, mi potrebbe comunicare il risultato della prima prova svolta il 12 marzo scorso?
    Mi chiedevo inoltre se fosse ancora possibile iscriversi alla seconda prova.
    Infine, qualora il risultato della prima prova fosse insufficiente, sarebbe possibile ripeterla?

    La ringrazio anticipatamente e le porgo i miei cordiali saluti.

    Rossi Bruno

  10. Egregio professore,

    sono uno studente del Suo corso. Per motivi di salute, non ho potuto essere a lezione nelle ultime due settimane, e pertanto avrei bisogno di sapere da lei il risultato della prima prova svolta in data 12 marzo e, se insufficiente, l’eventuale data della prova di recupero; inoltre volevo sapere se è ancora possibile iscriversi alla seconda prova.

    La ringrazio e Le porgo distinti saluti.

    Bruno Rossi

  11. Gent.mo Prof. Luigi Verdi,
    sono Bruno Rossi, uno studente iscritto al suo corso di Storia moderna. Le scrivo per chiederle alcuni chiarimenti riguardo alle prove scritte, dato che sono stato assente alle sue lezioni nelle due ultime settimane per motivi di salute.
    1) È possibile conoscere il risultato della prima prova svoltasi il 12 marzo scorso?
    2) Se l’esito fosse insufficiente, si può ripetere?
    3) Posso iscrivermi alla terza prova?
    La ringrazio anticipatamente per l’attenzione che mi rivolgerà.
    Cordiali saluti
    Bruno Rossi

    Nella riscrittura ho scelto un tono molto formale; la mail dell’esempio poteva andar bene inviata a un amico o un conoscente di università.
    Vorrei tuttavia cogliere l’occasione per fare una domanda:
    l’uso delle emoticon in una comunicazione informale è ormai accettato oppure si deve usare in modo parsimonioso?
    Grazie
    Simonetta Cinaglia

  12. Salve prof,
    sono uno studente del suo corso. Per motivi di salute non ho potuto essere a lezione nelle ultime due settimane.
    Avrei bisogno di sapere da lei alcune cose:
    - Qual è risultato della mia prima prova svolta in data 12 marzo?
    - Se il risultato della prima prova è insufficiente, si può rifare?
    - E’ ancora possibile iscriversi alla seconda prova?

    La ringrazio e la saluto

    Bruno Rossi

  13. Buongiorno,
    Frequento il suo corso. Per motivi di salute, non ho potuto essere presente nelle ultime due settimane. Ecco perché vorrei sapere da Lei le seguenti cose:
    - Il risultato della prima prova svolta in data 12 marzo
    - Se è ancora possibile iscriversi alla seconda prova
    - Se si può rifare la prima prova se il relativo risultato è insufficiente.
    La ringrazio e la saluto cordialmente,
    Bruno Rossi

    to-the-point, ora con uno stile uniforme (spero), ecco come avrei scritto io al prof.

  14. Gentile professore, mi chiamo Bruno Rossi e sono uno studente del suo corso. Nelle ultime due settimane sono stato assente da lezione per motivi di salute, per questo motivo avrei bisogno di sapere da Lei alcune informazioni.

    Vorrei domandarLe il risultato della prima prova svolta in data 12 Marzo e, in caso di risultato insufficiente, se fosse possibile rifarla.

    Infine, vorrei sapere se c’è ancora tempo per iscriversi alla seconda prova.

    RingraziandoLa,
    Distinti Saluti

    Rossi Bruno

  15. Egregio Professore,
    sono uno studente del suo corso. Per motivi di salute non ho potuto presenziare alle Sue lezioni nelle ultime due settimane, e pertanto Le sarei grato se gentilmente mi potesse comunicare il risultato della prima prova, svolta in data 12 marzo.

    Inoltre gradirei sapere:
    - se è ancora possibile iscriversi alla seconda prova;
    - se si può ripetere la prima prova nel caso il risultato fosse insufficiente.

    La ringrazio in anticipo e Le porgo i miei migliori saluti

    Bruno Rossi

  16. Gentile Professore,
    sono uno studente del suo corso di XXX. Per motivi di salute, purtroppo non ho frequentato le sue lezioni nelle ultime due settimane; avrei quindi bisogno di sapere da lei:
    - Il risultato della prima prova svolta il 12 marzo.
    - La conferma che è possibile iscriversi alla seconda prova.
    - In caso di risultato insufficiente della prima prova, l’indicazione sulla possibilità di rifarla.

    La ringrazio e le porgo distinti saluti.
    Rossi Bruno
    (Matricola XXX)

  17. Queste sono le riscritture che ci sono arrivate. Tra poco sarà pubblicato il post con il nome del vincitore e i nostri commenti.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.