Scritture creative

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Scuole di Scrittura #7: Rablè

9 ottobre 2012
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

di Claudio Castellani*

Ho sempre pensato che raccontare sia l’attività che ci consente di acquistare consapevolezza di noi stessi e del mondo in cui viviamo. Se smettessimo tutti, all’improvviso, di raccontarci i fatti della vita, i sogni, i pensieri, le fantasie, cesserebbe all’improvviso la storia dell’uomo.
Immaginare è ricordare, sognare, fantasticare. È proiettarci nello spazio, nel tempo passato o in quello futuro, modificare il presente secondo le nostre speranze più segrete. È riconsiderare e rivedere il mondo che viviamo, rivivere la vita che abbiamo vissuta alla ricerca di un senso, di un significato.
Scrivere in fondo non è niente altro che questo: imparare a usare sempre meglio strumenti che già possediamo per prestare maggiore attenzione alla vita. Per vederci un po’ più chiaro.
La scuola Rablè ha compiuto da poco i 7 anni di vita. È stata una delle mie esperienze più belle. Mi ha permesso di capire quanto poco è necessario perché nelle persone si metta in moto il meccanismo dell’immaginazione creativa e, con lei, il desiderio di conoscere.
Con questo non voglio dire che imparare a scrivere sia facile e divertente. Dal mio punto di vista, la difficoltà principale è sintetizzata da una frase di Goethe: “Ai miei amici, i giovani poeti, dirò allora: in fondo, adesso non disponete di alcuna norma, sta dunque a voi stessi darvela”.

La scrittura creativa si fonda infatti su un paradosso: si avvale di tecniche ma non è una tecnica che si può insegnare. Il metodo che seguo nel mio insegnamento si basa sul principio che a scrivere si impara scrivendo, che la teoria è importante, ma più importante ancora è misurarsi con le difficoltà poste concretamente dall’elaborazione di un testo.
La difficoltà, a questo punto, consiste nell’insegnare che s’impara solo sbagliando. Alcune persone si stupiscono del fatto che un racconto possa – e debba – essere scritto e riscritto e riscritto ancora fino a che non raggiunge la sua forma migliore.
Riflettendo su questa difficoltà, sono giunto alla conclusione che la scuola pubblica diffonde un’idea strana della scrittura: si arriva in classe, si scrive il tema, lo si rilegge, lo si corregge un po’ e poi lo si consegna. Se si prende un bel voto si è bravi, se si prende regolarmente un’insufficienza vuol dire che non si è tagliati per la scrittura. Allora cerco pazientemente di spiegare che nessuno scrive come a scuola. Né Manzoni – che è stato 40 anni sui Promessi sposi – né Italo Calvino, le cui riscritture erano maniacali.
Comunque. Nelle prime fasi del nostro lavoro, l’abilità e le competenze linguistiche non vengono mai poste in primo piano. I partecipanti ai corsi imparano fin da subito, invece, ad affrontare alcune competenze di base: pensare per immagini e imparare a descrivere compiutamente lo svolgersi di un’azione.
Tenendo sempre presente un principio: l’uomo ha un’importanza preminente rispetto alla tecnica. Più importante di tutto è imparare a osservare con attenzione il mondo in cui viviamo, diventare coscienti delle proprie percezioni e delle proprie emozioni.

 

*Claudio Castellani è nato a Caravaggio nel 1949. Ha studiato filosofia presso l’Università Statale di Milano. Giornalista professionista dal 1976, ha lavorato per i giornali dei maggiori gruppi editoriali italiani, come L’Espresso, Mondadori, Condè-Nast, Rizzoli, Nuova Eri-Edizioni Rai. Ha realizzato numerosi reportage in Italia e all’estero. E’ autore del romanzo Il marito muto, edito da Marco Tropea e del racconto Il Re di Photoshop, edito da Rablè IndieBook.it.

Commenti | 2 risposte

  1. io amo scrivere lo faccio spesso da quando ero bambina, il mio sogno è scrivere un libro sulla mia curiosa e interessante vita , ci provo da anni ma non so strutturarlo ho bisogno di tanto aiuto,ho bisogno di ualcuno che ascolti ciò che ho da dire e valuti se il mio sogno può diventare realtà

  2. Cara Cinzia,
    neanche a farlo apposta è appena uscita una nostra nuova collana, “Scritture creative”. Potrebbe essere un primo aiuto…

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.