Scritture creative

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Carlo Lucarelli | Non è facile prendere appunti

6 novembre 2012
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Non è facile prendere appunti, almeno per me.
La difficoltà – ripeto, almeno per me – sta nel mantenere a livello di notazione quello che sboccia in testa e che vuoi semplicemente fermare per non dimenticarlo: è una suggestione, una sensazione, un pensiero, ma quando cominci a scriverlo, anche solo con un paio di parole, diventa una narrazione e in qualche modo si struttura. Un po’ come accade con i sogni, che quando cerchi di ricordarteli dopo sveglio non sono più come prima.

Questo soprattutto per quelli che – come me – pensano con le parole e dentro le parole, tanto che anche adesso che ogni tanto mi capita di avere a che fare con le immagini, se devo fermare un luogo o un volto, mi viene più istintivo tirare fuori un taccuino che la macchina fotografica.
Il problema è che un appunto – sempre per me – dovrebbe restare aperto per essere elaborato in un altro momento, quando si hanno a disposizione tutte le direzioni che può prendere e tutto il tempo per seguirle.
E invece appena comincio a scriverlo anche solo su un taccuino ecco che si incanala su una sequenza di aggettivi, assonanze e congiunzioni la cui scelta, anche se istintiva, già prefigura una strada. Certo, sta all’esperienza e alla sensibilità dello scrittore tornare a vedere oltre quella direzione, usando l’appunto come un trampolino e non come un’uscita d’autostrada.
Però – per me – non è facile.
Per un po’ di tempo ho usato un escamotage grafico: disegnavo quadretti o rettangoli da cui facevo partire frecce al cui termine mettevo parole. Valeva soprattutto per il momento di riordinare gli appunti presi in ordine sparso e con vari mezzi di fortuna: sintetizzare con pochissime parole e soprattutto astrarre con la geometria mi distaccava dalle strettoie narrative che l’appunto mi avrebbe imposto. Per uno come me, che improvvisa pagina per pagina e addirittura riga per riga, che tra le due razze di narratori – Faccio la Scaletta, Non Faccio la Scaletta – appartiene decisamente alla seconda, sentirsi libero di seguire l’istinto con i suoi ritmi e le sue immagini, è essenziale.
Un giorno, poi, ho avuto l’occasione di sentir parlare Roman Polanski che raccontava di come prendeva appunti e li riordinava per i suoi film: riassumeva le scene su post-it e li attaccava su una porta. Sintesi estrema e possibilità di cambiare le sequenze, perfetto (per me). Il bagno del mio studio ha una grande porta bianca e lì sopra finiscono i miei appunti, sparsi o ordinati per dimensioni e colori.
Un mosaico, insomma, che cambia forma continuamente.

 

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.