Esame di Stato

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

La scaletta

25/02/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail
Print Friendly

Le operazioni che vengono coinvolte nella scrittura del tema all’esame di stato sono fondamentalmente tre: la pianificazione dei tempi di lavoro, la preparazione e la composizione del testo, suddivise al loro interno in varie fasi distinte. Se programmare i tempi è un automatismo ormai acquisito, ma da rispettare per non trovarsi a concludere in fretta e senza rileggere il compito, diverso è il caso per la preparazione e la composizione.

Laboratorio

Laboratorio

Comprendere ed eseguire correttamente queste due fasi risulta decisivo per le sorti di un elaborato scritto: tutti questi momenti sono infatti correlati tra loro e richiedono da parte di chi scrive un costante controllo della situazione. La scrittura prevede infatti ripensamenti e ritorni, correzioni e miglioramenti, inserimenti o eliminazioni di intere parti del proprio lavoro. Acquisire il metodo è insomma determinante. Vediamolo in sintesi:

Pianificazione dei tempi di lavoro

La durata della prova scritta d’italiano all’esame di maturità è di 6 ore effettive: esse vengono calcolate una volta terminata la fase di fotocopiatura e distribuzione delle tracce. Se il via viene dato alle 9.30 la consegna sarà alle 15.30. È bene allora suddividere in fasi il proprio lavoro e darsi dei tempi da rispettare. Si consideri che almeno un’ora serve a ricopiare in bella copia e almeno un’altra ora se ne va nella revisione.

Ecco in breve un piano di lavoro:

  • 1 ora per la lettura della traccia e della documentazione a corredo.
  • 1 ora per l’organizzazione (mappa e scaletta).
  • 2 ore per la stesura.
  • 1 ora per la ricopiatura.
  • 1 ora per la revisione.

Preparazione

  • Lettura e analisi della traccia attraverso una sua scomposizione che evidenzi gli argomenti richiesti e la loro disposizione.
  • Riflessione su eventuali materiali. Le fonti, i testi, i brani e le citazioni dovrebbero dare luogo ad un lavoro di sottolineatura e di evidenziazione, di stesura anche veloce di parole e concetti rilevanti.

Come esercitazione di lavoro sulla traccia prova a confrontarti con questa scheda operativa.

Composizione

  • Organizzazione (Pianificazione del testo attraverso mappe e scalette).
  • Stesura (Formulazione degli enunciati attraverso blocchi di testo che si riferiscono alle idee raccolte nella mappa/scaletta; articolazione in blocchi/capoversi in cui esprimere i concetti facendo attenzione alla coerenza del testo e all’uso di adeguati legamenti sintattici).
  • Revisione (Sistemazione della coesione interna; controllo ortografico e lessicale mediante l’impiego del dizionario dei sinonimi; rilettura delle singole parti e rilettura d’insieme del testo per verificarne la scorrevolezza e la punteggiatura).

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.