Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Kippur

27 maggio 2012
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Nel tardo pomeriggio, su IRIS ore 18:50, il Morandini vi consiglia: Kippur


KippurKippurIsr.-Fr.-It. 2000GENERE: Guerra DURATA: 123′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 4 PUBBLICO: 2REGIA: Amos GitaiATTORI: Liron Levo, Tomer Ruso, Uri Ran Klauzner, Yoram Hattab, Guy Hamir
Sabato 6 ottobre 1973, festa ebraica di Yom Kippur (giorno dell'espiazione, dedicato al silenzio e al riposo): le forze armate siriane ed egiziane attaccano a sorpresa Israele. Due amici – il sergente Weintraub e il tenente Russo – tentano invano di raggiungere in auto il proprio reparto sulle alture del Golan dove regna il caos. Si aggregano a una squadra di primo soccorso ai feriti finché il loro elicottero con altri 5 uomini a bordo è colpito. Alla breve guerra del Kippur che durò 19 giorni, lasciando sul campo 12000 morti e 28000 feriti, il 23enne Gitai partecipò come barelliere d'elicottero. 27 anni, 6 film di fiction e 21 documentari dopo, traspone l'esperienza in un film di guerra – meglio: sulla guerra – più unico che raro. La racconta ad altezza d'uomo e di elicottero, ma sempre dalla parte del dolore, dei corpi lacerati o attanagliati dalla fatica. Il nemico è invisibile. La straziante sequenza del corpo a corpo nel fango è da antologia, ma non è da meno quella del volo a bassa quota sull'altopiano del Golan. Le 2 scene erotiche – oniriche nel loro realismo – che incorniciano il racconto sono la cifra stilistica di un film molto fisico che, nei suoi intervalli di quiete, enuncia con casta retorica il retroterra dei personaggi: i fantasmi dell'esilio, la proscrizione, il desiderio di pace, gli incubi della Storia. Prodotto e scritto da Gitai con Marie-José Sanselme, eccellente fotografia del grande Renato Berta, musica di Jan Garbarek. Dedicato a Sam Fuller.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.