Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

L’occhio del ciclone

20 giugno 2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su RaiMovie ore 21:15, il Morandini vi consiglia: L'occhio del ciclone

L'occhio del cicloneIn The Electric Mist - Dans la brume életriqueUSA-Fr. 2009GENERE: Dramm. DURATA: 117′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 2REGIA: Bertrand TavernierATTORI: Tommy Lee Jones, John Goodman, Peter Sarsgaard, Mary Steenburgen, Kelly MacDonald
A New Iberia (Louisiana) il detective Dave Rabicheaux, mentre indaga su un assassino periodico che uccide ragazzine, conosce Elrod T. Sykes, divo di Hollywood, venuto per un film di ambiente sudista sulla guerra di Secessione finanziato da Julius Balboni, capoccia della mafia locale. L'attore gli racconta di aver trovato in uno stagno un mucchio di ossa legate, resti di un antico crimine razzista. La notizia gli suscita un ricordo rimosso (anch'egli fu testimone impotente dell'omicidio di un nero per mano di due bianchi) e allucinazioni abitate da fantasmi dei soldati sudisti. Scritto da Jerzy Kromolowki e da sua moglie Mary Olson dal romanzo In The Electric Mist with Confederate Dead (1999) del texano James Lee Burke, inventore del detective Rabicheaux, antieroe idealista e tormentato che l'eclettico Tavernier conosce bene. L'ha girato “con gli occhi del protagonista” (un ottimo Jones, anch'egli texano). La vicinanza con Colpo di spugna (1981) è palese. Ne esce una Louisiana corrotta, una terra di fantasmi dove il tempo sembra scorrere all'indietro. Il modo con cui Tavernier evoca il ciclone che devastò New Orleans è uno dei tanti segni di una intelligenza registica sempreverde. Del film esistono 2 versioni: quella francese e quella USA senza il controllo del regista sul montaggio. Laggiù, dice B.T., l'imprevisto non ha cittadinanza.
AUTORE LETTERARIO: James Lee Burke


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.