Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

La foresta dei pugnali volanti

27 giugno 2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su RaiMovie ore 21:15, il Morandini vi consiglia: La foresta dei pugnali volanti


La foresta dei pugnali volantiShi mian mai fuCina-HK 2004GENERE: Avv. DURATA: 119′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 4 PUBBLICO: 3REGIA: Zhang YimouATTORI: Takeshi Kaneshiro, Andy Lau, Zhang Ziyi, Dandan Song
Cina, 859 d.C. La dinastia Tang è in declino. Imperatore imbelle, governo corrotto. Il crescente scontento popolare alimenta la nascita di gruppi ribelli riuniti in sette segrete. La più temibile è la Casa dei Pugnali Volanti, da poco guidata da un capo misterioso. Leo (Lau) e Jin (Takeshi), capitani della contea di Feng Tian, hanno l'incarico di catturarlo e sospettano che Mei (Zhang), ballerina cieca in una casa di piacere, sia un'affiliata. Il loro piano di farsi portare da lei al covo dei ribelli si complica perché entrambi s'innamorano della donna. Il finale non è lieto perché il desiderio d'amore è “attaccato da dieci lati”, come dice il titolo cinese. Dopo Hero, distribuito da noi in ritardo, Y. Zhang raddoppia, senza ripetersi, col wuxiapian, genere lanciato in Occidente dal premiatissimo La tigre e il dragone (2000). Fin dall'iniziale sequenza della danza nel Padiglione delle Peonie, è un film strabiliante, ipnotico, qua e là estetizzante sul piano cromatico, plastico, dinamico, ma anche inventivo nell'uso del sonoro e della musica, in cadenze di balletto (coreografie di Siu-tung Chin). Film avventuroso en plein air con passaggi epici (inseguimenti a cavallo, vertiginosi agguati nei boschi di bambù), ma anche gioco di simulazioni e inganni: i tre protagonisti – attori magnifici – non sono quel che sembrano. Il tutto è al servizio di una tragica storia d'amore che esplode nel finale innevato.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.