Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Il responsabile delle risorse umane

30 luglio 2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Rai5 ore 21:15, il Morandini vi consiglia: Il responsabile delle risorse umane


Il responsabile delle risorse umaneThe Human Resources ManagerIsr.-Germ.-Fr. 2010GENERE: Comm. dramm. DURATA: 103′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3 PUBBLICO: 2REGIA: Eran RiklisATTORI: Mark Ivanir, Noah Silver, Guri Alfi, Rosina Cambus, Gila Almagor, Reymond Amsalem
Già in crisi dopo il divorzio per l'incapacità di comunicare con la figlia, il responsabile delle risorse umane di un grande panificio di Gerusalemme è accusato da un giornalista di aver trascurato la morte di una sua dipendente rumena – ingegnere, impiegata come donna delle pulizie – uccisa in un attentato e di cui nessuno ha reclamato la salma. Per rimediare, si offre di accompagnare la bara nel paese d'origine. L'unico personaggio che ha un nome in questa commedia ironica dai risvolti amari è la morta, di cui si vedono solo una fototessera e un frammento, filmato su un cellulare da suo figlio. Gli altri sono indicati dalla loro funzione: manager, giornalista, console israeliano, marito. Scritto da Noah Stolman, dal romanzo omonimo (2004) dell'israeliano sefardita Abraham B. Yehoshua e diviso in 2 parti (Gerusalemme, il viaggio verso la Romania), il film corale continua le tematiche dei 2 precedenti di Riklis: la forza distruttiva della violenza che induce allo sradicamento e alla rimozione del passato, esistenze allo sbando, ricerca di riscatto, denuncia delle paure da superare con la solidarietà. Il tutto immerso nell'incanto dei paesaggi (fotografia: Rainer Klausman), in una lucida malinconia di fondo. Fuori concorso a Locarno 2010. Distribuisce Sacher.
AUTORE LETTERARIO: Abraham B. Yehoshua


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.