Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

La niña santa

5 agosto 2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su la effe ore 23:00, il Morandini vi consiglia: La niña santa


La niña santaLa niña santaArg.-It.-Ol.-Sp. 2004GENERE: Comm. dramm. DURATA: 106′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3 PUBBLICO: 3REGIA: Lucrecia MartelATTORI: Mercedes Morán, Carlos Belloso, Alejandro Urdapilleta, Maria Alché, Julieta Zylberberg
Come insegnò C.B. De Mille fin dai tempi del muto, il binomio religione e sesso è redditizio al botteghino. Trasposto in un'altra coppia – santità e medicina – è al centro di un film argentino d'autore, il 2° della Martel, che con La cienaga (2001) ha in comune la città dov'è ambientata la vicenda. Influenzata dalle lezioni di catechismo, la ragazzina Amalia (Alché) si mette a spiare il dottor Jano (Belloso), marito e padre di famiglia, che partecipa a un congresso di otorinolaringoiatria, convinta che sia un peccatore da ricondurre sulla retta via. Il guaio è che Jano diventa l'oggetto del desiderio anche per Helena (Morán), madre di Amalia e padrona del vetusto albergo termale dove si tiene il congresso. Descrive un'umanità dolente e gretta, frustrata dai tabù religiosi e dai sensi di colpa, incapace di comunicare e di ascoltare, tallonata da un linguaggio denso, quasi appiccicoso, che non esclude l'arguzia, la finezza dei particolari, il distacco critico di chi racconta sebbene non sempre i risultati corrispondano all'ambizione di passare dal basso della realtà minuta all'alto di temi impegnativi. “La partitura di L.M. è scritta per tutti i sensi con una parte solista riservata all'udito” (F. Tassi). Non a caso la colonna sonora (l'uso dei rumori) è quasi più inventiva di quella visiva.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.