Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

The Terminal

6 ottobre 2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su RaiMovie ore 21:15, il Morandini vi consiglia: The Terminal


The TerminalThe TerminalUSA 2004GENERE: Comm. DURATA: 126′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 3 PUBBLICO: 4REGIA: Steven SpielbergATTORI: Tom Hanks, Catherine Zeta-Jones, Stanley Tucci, Chi McBride, Diego Luna, Barry Shabaka Henley, Kumar Pallana, Zoe Saldana
Viktor Navaroski, turista di Krakozhia, fittizio staterello eurocaucasico, arriva all'aeroporto JFK di New York mentre nel suo paese è scoppiata la guerra civile. Gli negano il visto d'ingresso. Ci resta bloccato per nove mesi. Impara il basic english e le regole, si fa tre amici, trova un lavoro, ha una storia di cuore con una hostess finché realizza il suo sogno chiuso in una scatoletta. 3° film di S. Spielberg-T. Hanks, scritto da Sacha Gervasi (anche soggettista con Andrew Niccol) e Jeff Nathanson, è il coerente sbarco di un regista nel cui cinema il volo è una delle linee direttrici, l'approdo a un non-luogo raccontato come un punto d'incontro tra mondi e culture. Gli USA come crogiuolo. Non a caso i tre amici che lo aiutano sono un afroamericano, un asiatico e un ispanico. Nel preparare un cocktail di Frank Capra e Preston Sturges – e il JFK come sineddoche dell'universo politico-culturale-linguistico USA – Spielberg fa di Viktor “la falla che lo rivela e lo scardina” (E. Alberione), trasformandolo in “chiave d'accesso e paradigma rifondante” del “sogno americano”. Per lo spettatore che, come noi, lo trova piuttosto ripetitivo e qua e là facile, l'istrionismo mimetico di Hanks equivale al film e lo sorregge: efficace e divertente nella sua semplicità, un po' paternalistico e povero di verità. Girato in studio: 5 mesi di lavoro per le scenografie di Alex McDowell che ricostruiscono il JFK.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.