Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Carnage

28 ottobre 2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Iris ore 21:05, il Morandini vi consiglia: Carnage

CarnageCarnageFr.-Germ.-Pol.-Sp. 2011GENERE: Dramm. DURATA: 80′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 4 PUBBLICO: 3REGIA: Roman PolanskiATTORI: Jodie Foster, Kate Winslet, Christoph Waltz, John C. Reilly
Carnage = carneficina. In un parco di New York, Zachery Cowan ferisce con un bastone il compagno di scuola Ethan Longstreet. I 4 genitori s'incontrano in casa Longstreet, famiglia della middle class colta e progressista, mentre i Cowan sono upper class, più ricchi, meno colti, più abituati a comandare. Per più di un'ora, discutendo tra loro, attraversano le situazioni del conformismo per abbandonarsi, sfiniti, allo sconforto di chi è consapevole, in nome dei figli, di aver gettato la maschera nel disperato tentativo di salvare loro stessi dal fallimento come genitori. Intanto i due ragazzi fanno pace. Scritto dal regista con Yasmina Reza dalla sua pièce Il dio del massacro, spostando l'azione da Parigi a New York. Polanski chiude spesso in trappola – in uno stato chiuso – i suoi personaggi. Qui lo fa con implacabile lucidità come un gioco al massacro in forma di kammerspiel. Polanski fa, nel suo pessimismo, un film laico. Per lui, polacco, ogni dio si è estinto con la 2ª Guerra Mondiale: nel titolo rimane soltanto il massacro. Nei dialoghi si cita Francis Bacon e i riferimenti alla sua pittura sono espliciti e significativi. Nonostante il puntiglioso naturalismo stilistico, diventa baconiana anche l'atmosfera. Fotografia di Pawel Edelman. Musica di Alexandre Desplat. Scene di Dean Tavoularis. Costumi di Milena Canonero. Un quartetto di interpreti che non sbagliano un colpo, una sfumatura. Geniale la scena del vomito di Kate Winslet.
AUTORE LETTERARIO: Yasmina Reza


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.