Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Lady Vendetta

5 dicembre 2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Cielo ore 21:10, il Morandini vi consiglia: Lady Vendetta


Lady VendettaChin-jeol-han Geum-ja-set - Sympathy for Lady VengeanceKor. 2005GENERE: Dramm. DURATA: 112′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3 PUBBLICO: 3REGIA: Chan-wook ParkATTORI: Young-ae Lee, Min-sik Choi, Dal-su Oh, Shee-Hu Kim, Seung-shin Lee, Bu-seon Kim
Ingiustamente condannata a tredici anni per l'uccisione di un bambino rapito del cui rapimento fu solo una complice, Lee Geum-ja, quando esce dal carcere, ha perso l'innocenza e da vergine beffata dalla vita si trasforma nell'implacabile regista di un massacro per vendicarsi di chi l'ha incastrata. Dopo Mr. Vendetta (2002, uscito in Italia soltanto in homevideo) e Oldboy (2004), Lady Vendetta chiude la trilogia della vendetta del regista coreano. Come nel 1° della serie, il titolo italiano rimuove sympathy, parola importante per capire gli intenti dell'autore. La vendetta diventa un gesto morale in quella che è anche una trilogia sulla necessità degli affetti familiari (paterno, materno, filiale) il che non impedisce che nell'ultima mezz'ora, la migliore di questo film labirintico e ridondante, l'eroina finisca con la faccia dentro a una torta, grottesca punizione per chi si è reso colpevole di individualismo giustizialista. Il cinema di Park è bicefalo. La prima testa è quella splatter e visibile che traumatizza lo spettatore con i suoi gesti di efferata violenza; l'altra è quella “più nascosta dei sentimenti, della coscienza, del profondo senso morale che muove-regola-uccide le sue storie e i suoi personaggi” (L. Barnabé). È un'etica radicale, mostruosa, persino perversa nelle immagini di Kitsch estetizzante e nei primi piani della protagonista. V.M. 14 anni.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.