Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

La città proibita

19 gennaio 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su RaiMovie ore 21:15, il Morandini vi consiglia: La città proibita


La città proibitaMan cheng jin dai huang jin jiaCina-HK 2006GENERE: Dramm. DURATA: 111′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 4 PUBBLICO: 3REGIA: Zhang YimouATTORI: Chow Yun-Fat, Gong Li, Liu Ye, Chen Jin, Ni Dahong, Li Man, Qin Junjie
Terzo film d'azione di Zhang Yimou, ambientato durante la tarda dinastia Tang (923-936 d.C.) che ormai, quasi un secolo dopo La foresta dei pugnali volanti, è in disfacimento. Secondo un proverbio cinese “oro e giada all'esterno, marciume e decadenza all'interno”. È il compendio di una vicenda dove lo splendore quasi delirante di scene e costumi fa da contraltare a tenebrosi intrighi di palazzo. Tutto fa capo “all'anima nera e sanguinaria di un imperatore dal sorriso di gatto machiavellico” (J.-L. Douin). Nella sceneggiatura del regista (con Nan Wu e Shihong Bian) l'imperatore, sua moglie, i tre figli sono personaggi di fantasia. La foresta dei pugnali volanti può sembrare più attraente nel suo ritmo avventuroso, ma qui non mancano sequenze di strabiliante dinamismo: l'attacco degli arcieri al villaggio o la battaglia finale, degne di A. Kurosawa o S.M. Ejzenštejn, ma moltiplicata dagli effetti digitali: il regista-coreografo delle scene d'azione (Siutung Chin) e il direttore della fotografia (Xiaoding Zhano) sono gli stessi. Sul piano drammatico e nel disegno dei personaggi, però, è superiore al precedente per la tragica intensità dei conflitti che emergono nella famiglia imperiale. In quest'opera cromaticamente smagliante lo dimostra la figura complessa e tormentata dell'imperatrice: passati i 40 anni, Gong Li dà una prova di grande attrice. La traduzione del titolo originale suona più o meno “Riempi la città di auree armature”.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.