Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Italiani, brava gente

3 febbraio 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su RaiStoria ore 22:20, il Morandini vi consiglia: Italiani, brava gente


Italiani, brava genteIt.-URSS 1964GENERE: Guerra DURATA: 146′ (107′) FOTOGRAFIA: BN VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3 PUBBLICO: 3REGIA: Giuseppe De SantisATTORI: Raffaele Pisu, Tat'jana Samojlova, Arthur Kennedy, Shanna Prokhorenko, Andrea Checchi, Riccardo Cucciolla, Nino Vingelli, Lev Prygunov, Peter Falk, Gino Pernice
Titolo russo: Oni shli na Vostok; titolo inglese: Italiano brava gente e anche Attack and Retreat (156′). Le vicende di un reggimento italiano, con soldati provenienti da diverse regioni, sul fronte russo: l'avanzata nel 1941, i difficili rapporti con gli alleati tedeschi, la disastrosa ritirata nell'inverno del 1942-43. Girato sui fiumi Don e Bug, in Bessarabia, a Odessa e a Dniepropetrovsk. De Santis persegue la sua idea di cinema popolare, ricorrendo all'impiego dei generi (commedia dialettale compresa) e delle regole per piegarli in senso ideologico e didattico: l'internazionalismo, la divisione per classi e non per nazionalità, l'antieroismo, la solidarietà tra russi e italiani poveri, la denuncia dell'assurdità della guerra. Narrazione rapsodica attraverso quadri ed episodi corali, di un'epica “bassa” impregnata di una costante vena “malincomica” con una pittoresca galleria di personaggi e di macchiette tra cui bisogna citare almeno il tenente medico napoletano di Falk, l'antifascista meridionale di Cucciolla, il contadino emiliano di Prygunov.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.