Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Quasi amici

28 febbraio 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Canale 5 ore 21:10, il Morandini vi consiglia: Quasi amici


Quasi amiciIntouchablesFr. 2011GENERE: Comm. DURATA: 112′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 5REGIA: Olivier Nakache, Eric ToledanoATTORI: François Cluzet, Omar Sy, Anne Le Ny, Audrey Fleurot, Clotilde Mollet
La commedia nasce da una dolorosa storia vera, narrata in Il diavolo custode del duca Philippe Pozzo di Borgo, dirigente della Pommery, storia che passò in TV nel 2003 in un documentario di Mireille Dumas. Enorme successo in patria, il film è stato venduto in 40 paesi, USA compresi (box office mondiale: 350 milioni di dollari). È la storia del nobile, ricco, colto Philippe, paralizzato dal collo in giù per un incidente di parapendio e colpito dalla morte per tumore dell'amatissima moglie, ma che non ha perduto l'attaccamento alla vita. Lo aiuta il suo badante Driss, immigrato algerino all'estrema periferia di Parigi, appena uscito dal carcere, che diventa il suo “diavolo custode”. Il loro rapporto di dipendenza reciproca e lo scontro tra le 2 culture si trasforma in un legame di amicizia solido eppur turbolento, attraverso episodi ora comici ora commoventi. Basta la sequenza iniziale dei 2 che, a bordo di una Maserati, percorrono a 200 km all'ora le stipate strade parigine, inseguiti dalla polizia, a dare il tono del film. In fondo, Philippe e Driss si aiutano a sopravvivere in un ambiente dove regnano l'egoismo e l'imbecillità. Avrebbe torto chi trovasse il film una piacevole utopia perché, invece, anche nella sua malinconia di fondo, è radicato nella realtà della Francia di oggi. David di Donatello per il miglior film dell'Unione Europea.
AUTORE LETTERARIO: Philippe Pozzo di Borgo


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.