Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Vogliamo anche le rose

8 marzo 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su RaiStoria ore 21:05, il Morandini vi consiglia: Vogliamo anche le rose


Vogliamo anche le roseIt.-Svizz. 2007GENERE: Doc. DURATA: 85′ FOTOGRAFIA: BN/Col. VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 2REGIA: Alina Marazzi
Come il precedente Un'ora sola ti vorrei sulla vita e la morte (1977) di Lisa Hoepli, sua madre, è un film di montaggio. Contrariamente all'altro, è fatto di materiali eterogenei: cinecronache, dibattiti TV, film indipendenti, disegni animati, immagini di fotoromanzi, filmini in Super 8, pubblicità, 3 diari di donne scritti nel '67, nel '74 e nel '78-'79, trovati nell'Archivio Nazionale dei Diari di Pieve Santo Stefano (AR) e letti dalle voci di 3 attrici (Anita Caprioli, Teresa Saponangelo e Valentina Carnelutti). Il racconto è una rievocazione e un'indagine sullo scenario dei movimenti femminili e femministi del ventennio 1960-79. Si snoda su 2 linee narrative che s'intersecano tra loro come i due poli di una dialettica tra pubblico e privato. Sul versante pubblico: la trasformazione dei modelli socioculturali per opera delle lotte femministe e civili sul divorzio, l'aborto, la contraccezione (rimasta per legge sino al 1971 “reato contro la stirpe”), la violenza sessuale. Sul versante privato: i racconti in prima persona di 3 donne provenienti da ambienti e culture diverse. Aiutata nel montaggio da Ilaria Fraioli, l'autrice ha fatto interagire le componenti di un materiale così caleidoscopico anche per restituire, come lei stessa dice, “la temperatura estetica e formale di quel periodo”. Risulta evidente in questo resoconto del passato prossimo il forte aggancio col presente dell'Italia del primo 2000. La lotta per l'autodeterminazione del corpo della donna e della sua sessualità e tutt'altro che finita. Anzi, è arretrata. Scene: Gaia Giani. Musica: Ronin. Distribuzione: Mikado.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.