Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Borat – Studio culturale sull’America a beneficio della gloriosa nazione del Kazakistan

9 marzo 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa notte, su Italia 1 ore 0:35, il Morandini vi consiglia: Borat - Studio culturale sull'America a beneficio della gloriosa nazione del Kazakistan


Borat - Studio culturale sull'America a beneficio della gloriosa nazione del KazakistanBorat - Cultural Learnings of America for Make Benefit Glorious Nation of KazakistanUSA 2006GENERE: Comico DURATA: 100′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 4REGIA: Larry CharlesATTORI: Sacha Baron Cohen, Ken Davitian, Luenell Campbell, Pamela Anderson
È il film più “politicamente scorretto” del nuovo secolo. Il suo autore si chiama Sacha Baron Cohen, ebreo di origini iraniane che ha inventato il personaggio di Borat Sagduyev (nel superpremiato TV Da Ali G Show), baffuto telecronista kazako. Scortato da Azamat Bagatov, incapace e obeso produttore, parte dal Kazakistan e viaggia da New York a Los Angeles per filmare un rapporto didattico sull'american way of life. In sceneggiatura si è fatto aiutare da A. Hines, P. Bayham, D. Mazer, T. Phillips; in produzione (caratterizzata da incidenti giuridici e qualche arresto durante le riprese) da J. Roach. Per la regia si è affidato a L. Charles che ha camuffato il film da reportage TV con ricorsi alla candid camera. C'è un paradosso sovversivo di base: aver tirato fuori il peggio della società USA (sindrome dell'antiterrorismo e del 2001, razzismo, politica estera di Bush Jr., fanatismo religioso, omofobia, violenza) di cui rivela i codici e il subconscio, col tramite di un personaggio razzista, antisemita, misogino, pieno di pregiudizi, antitzigano, sessuomane, ma anche affettuoso, generoso, romantico. Ne nasce, all'insegna di una furibonda scorrettezza, una buffoneria stridente e demente più che demenziale. Il film comincia e si chiude a Kuczek (trovato in un villaggio in Romania), anch'esso descritto con caustica ferocia. 31 canzoni e brani musicali. La voce italiana di Borat è di Pino Insegno.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.