Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Hotel Rwanda

5 aprile 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su RaiStoria ore 22:00, il Morandini vi consiglia: Hotel Rwanda


Hotel RwandaHotel RwandaGB-It.-SA 2004GENERE: Dramm. DURATA: 120′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3 PUBBLICO: 3REGIA: Terry GeorgeATTORI: Don Cheadle, Sophie Okonedo, Joaquin Phoenix, Nick Nolte, Desmond Dube, Hakeem Kae-Kazim, Cara Seymour, Tony Kgoroge
Sullo sfondo storico-cronachistico dei maledetti 100 giorni durante i quali nella primavera del '94 in Ruanda furono uccise 800 000 persone, quasi tutte a colpi di machete e mazza, si racconta come Paul Rusesabagina (Cheadle), direttore di un albergo di proprietà belga nella capitale Kigali, usò l'astuzia e il coraggio per dare rifugio e salvare da morte certa la sua famiglia e più di 1200 persone. Come Perlasca e Schindler, è un uomo qualunque, che in una situazione eccezionale trova la forza di non accettare facili compromessi. La forza del film sta nell'impatto tra un contesto generale di orrore e di follia e una storia individuale che, da sola, restituisce dignità all'essere umano. Cheadle dà del suo personaggio un'interpretazione sempre attenta e vigile. Il film rifiuta facili moralismi con i cattivi da una parte e i buoni dall'altra; mostra come si è svolta una tragedia nella quale tutti erano coinvolti: dall'amministrazione Clinton – tesa a distinguere tra “atti di genocidio” e “genocidio” – all'Onu, dalla comunità internazionale alla stampa e ai mass media. George – che l'ha diretto, scritto, prodotto e realizzato anche con il patrocinio di Amnesty International – s'impegna in un'opera civile, emozionante, che fa riflettere. Le musiche dell'italiano Andrea Guerra partono dal grande patrimonio etnico del Centro Africa.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.