Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

La marcia dei pinguini / Profondo blu

22 aprile 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su La7d ore 21:10, il Morandini vi consiglia: La marcia dei pinguini


La marcia dei pinguiniLa Marche de l'empereurFr. 2005GENERE: Doc.DURATA: 75′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 3,5 PUBBLICO: 4REGIA: Luc Jacquet
Nel 1992 un giovane francese, neolaureato in biologia, risponde all'inserzione di un giornale e accetta di partire per 14 mesi per l'Antartide. Innamoratosi dei luoghi, ma soprattutto dei pinguini imperatore, torna in Francia e scrive una sceneggiatura per raccontare l'incredibile storia di questi bizzarri animali che ogni anno percorrono decine di km in cerca del luogo adatto all'accoppiamento e seguono poi un complicato e coreografico rituale di corteggiamento. Inatteso ribaltamento di ruoli: la femmina affida l'uovo al maschio e parte, con le altre femmine, per un nuovo, lunghissimo viaggio (anche 100 km), per raggiungere l'oceano in cerca di cibo, affrontando pericoli e avversità d'ogni genere. Intanto il maschio deve tenere in caldo l'uovo tra le zampe, rimanendo in piedi, digiuno, per oltre 60 giorni, e deve soprattutto sopravvivere all'inverno, con picchi di –60 °C. Al ritorno delle femmine, saranno i maschi a partire a caccia di cibo, mentre i piccoli restano con la madre fino a quando, resi indipendenti, partono e di loro, per i successivi 4 anni, non si sa più nulla. È un documentario, film avventuroso per tutte le età, spettacolare, istruttivo e intelligente, spiritoso (con la voce narrante di Fiorello) e commovente (la morte del cucciolo congelato), che ha sbancato i botteghini di mezzo mondo.

Questa sera, su La7d ore 23:00, il Morandini vi consiglia: Profondo blu

Profondo bluDeep BluGB-Germ. 2003GENERE: Doc.DURATA: 83′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 2,5 PUBBLICO: 2REGIA: Alastair Fothergill, Andy Byatt
Omologo dei francesi Microcosmos (1996) e Il popolo migratore (2002), questo documentario britannico è un condensato della serie TV della BBC The Blue Planet per la quale furono impiegate 20 cineunità in 5 anni di lavoro. Dopo gli insetti e gli uccelli, è la volta dei pesci, anche loro impegnati nella lotta per l'esistenza e la sopravvivenza. Eliminata la dimensione didattica della serie, ne sono state cavate le sequenze più spettacolari e più crudeli. Suggestive, talvolta bellissime, immagini, anche inedite. La partitura musicale di George Fenton (1948) è qua e là ingombrante.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.