Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

L’uomo del treno

9 maggio 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su La7d ore 21:10, il Morandini vi consiglia: L'uomo del treno


L'uomo del trenoL'Homme du trainFr. 2002GENERE: Comm. DURATA: 90′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 3REGIA: Patrice LeconteATTORI: Jean Rochefort, Johnny Hallyday, Jean-François Stevenin, Charlie Nelson, Pascal Farmentier, Isabelle Petit-Jacques, Édith Scob
Milan, rapinatore in servizio, scende dal treno in una sonnacchiosa cittadina dove per caso incontra Manesquier, insegnante di letteratura francese in pensione, che gli offre ospitalità per tre giorni nella sua villa. Ciascuno dei due, il randagio fuorilegge e il sedentario colto, sogna la vita dell'altro, quella che ha mancato da sempre e per sempre, entrambi consapevoli che “passeremo, come i secoli e le colombe”. 18° film di Leconte, e forse il migliore, scritto da Claude Klotz (alias Patrick Cauvin: Il marito della parrucchiera). Se non fosse per un finale ridondante e artificioso e qualche civetteria di troppo nei dialoghi brillanti, sarebbe perfetto, a due passi dal teatro filmato e vicino all'universo di G. Simenon: la buccia di un polar, la polpa di un dramma psicologico esistenziale raccontato con leggerezza di tocco. Due interpreti ammirevoli (ma lo è anche Stevenin come autista).


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.