Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Corpo celeste

27 maggio 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Rai5 ore 21:15, il Morandini vi consiglia: Corpo celeste


Corpo celesteIt.-Fr.-Svizz. 2011GENERE: Dramm. DURATA: 90′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 3REGIA: Alice RohrwacherATTORI: Yle Vianello, Salvatore Cantalupo, Anita Caprioli, Renato Carpenteri
Cresciuta in Svizzera con la madre e la sorella maggiore, la 13enne Marta torna con loro nella periferia di Reggio Calabria. Scritto dall'esordiente 30enne Rohrwacher, il film ne racconta le esperienze in un corso di cresimande, ricalcato su tremendi format TV; le scoperte del proprio corpo che cambia; la propria diversità ribelle dalla gente della parrocchia; il rifiuto di diventare un soldato di Cristo dall'omertosa disciplina. Occorre mezz'ora per salire su questa opera prima ruvidamente ellittica, misteriosa e laica e far compagnia alla sua protagonista, il cui punto di vista coincide con quello della regista. Pur rispecchiando con puntiglio critico il retroterra sociopolitico calabrese (è tempo di elezioni), è sempre un discorso indiretto, non polemico, ricco di dettagli (il rapporto particolare di Marta con la madre). Lo confermano i personaggi negativi e complessi del parroco arrivista e della beghina autoritaria di lui innamorata. Con una eccezione: il prete di montagna, il solo che crede, vangelo alla mano, in un Cristo non rassicurante. Che attori, professionisti e non! E che paesaggi! Come era giusto, il finale è sospeso, aperto. Debolmente distribuito da Cinecittà Luce. Film sottovoce, ma scomodo. Nastro d'argento alla Rohrwacher come migliore regista esordiente.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.