Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

L’ultimo inquisitore

29 maggio 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Iris ore 21:10, il Morandini vi consiglia: L'ultimo inquisitore


L'ultimo inquisitoreGoya's GhostsSp. 2006GENERE: Dramm. DURATA: 117′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 2REGIA: Milos FormanATTORI: Javier Bardem, Stellan Skarsgård, Natalie Portman, Randy Quaid, Blanca Portillo, Mabel Riveira, Michael Lonsdale
Non è una biografia di Francisco Goya y Lucientes (1746-1828), come Amadeus non è un bio-pic di Mozart. Il titolo italiano sposta l'accento sull'antagonista, frate Lorenzo, uomo di fede che divide il mondo tra il Bene e il Male e che, prima al servizio della Chiesa (di Dio) e poi della Rivoluzione Francese (della ragione), tormenta e uccide i corpi per salvare le anime. Non è nemmeno un film sull'Inquisizione che, tra l'altro, fu più di una. Nelle acqueforti e nei disegni dell'agnostico Goya Lorenzo non vede il Male, ma il suo riflesso. “Non è lui che dobbiamo colpire, ma i corpi nei quali quei fantasmi vivono. Ed è certo di averne il diritto e il dovere” (R. Escobar). Lo spostamento del titolo è giustificato. Nel film Goya è soltanto un testimone del suo tempo, aperto ai compromessi con i potenti cui, però, non sacrifica il suo mestiere, l'arte. Chi agisce, chi giudica e condanna è l'integralista e fanatico Lorenzo, personaggio inventato. È lui il vero protagonista, e non soltanto per l'interpretazione che ne dà l'eccellente Bardem. Per Forman e il suo cosceneggiatore Jean-Claude Carrière (6 film per Buñuel) l'Inquisizione esiste ancora oggi sebbene, come nella realtà dei regimi socialisti del '900, abbia cambiato nome. È ingiusto sottolineare l'eleganza sfarzosa della messinscena e i risvolti melodrammatici (Ines, modella di Goya, stritolata dal sistema, incarnata dall'eclettica Portman), se non si tiene conto anche degli agganci, suggeriti con perfida leggerezza, tra passato e presente. Tra loro c'è la resa dei conti con le truppe francesi che, al comando di Napoleone (1808-09) occupano la Spagna, comportandosi da feroci invasori.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.