Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Caos calmo

10 giugno 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su RaiMovie ore 21:15, il Morandini vi consiglia: Caos calmo


Caos calmoIt.-Gr.-GB 2008GENERE: Dramm. DURATA: 112′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 4REGIA: Antonello GrimaldiATTORI: Nanni Moretti, Alessandro Gassman, Blu Yoshimi, Valeria Golino, Isabella Ferrari, Kasia Smutniak, Hippolyte Girardot, Silvio Orlando, Denis Podalydès, Roman Polanski
È sicuramente il migliore dei 5 film del sardo Grimaldi, ma c'è il sospetto che sia il miglior Moretti che l'ha scritto con Laura Paolucci e Francesco Piccolo, dal romanzo (2005, premio Strega) di Sandro Veronesi. Come in La stanza del figlio, il tema centrale è la perdita, il faticoso lavoro dell'elaborazione del lutto, il caos calmo in cui galleggia Pietro: sua moglie muore mentre lui sta salvando in mare una sconosciuta. Quando accompagna la figlia a scuola, decide di aspettarla fuori fino alla fine delle lezioni e così fa per settimane, in attesa che il dolore arrivi. Crede di farlo per amor di padre. Capisce che l'ha fatto per sé, per uscire dalla caotica calma – con cui, forse, ha contagiato la figlia – per guarire, accettarsi. E imparare a fare attenzione agli altri. È un dramma laico, attraversato da una sottile brezza di umorismo e molta tenerezza (l'episodio con il ragazzo down). Dopo l'inizio agitato, sembra statico ma non lo è perché, con finezza di dettagli, fa perno sullo sguardo di Pietro il cui punto di vista fa da filo conduttore. Veronesi analizza e mette, il film suggerisce e toglie. Anche troppo. Nella bella (nel libro) scena del salvataggio manca un'inquadratura, quella del fratello di Pietro, Carlo, che nuota verso l'altra donna da salvare. La bollente scena di sesso tra Simona e Pietro è ingiustificata: manca il collegamento con il corpo a corpo in mare. Il controcampo del tombino, Moretti regista l'avrebbe evitato. Come attore e protagonista assoluto, non sbaglia una nota. I personaggi di contorno hanno spessore. 3 David di Donatello: Gassman (non protagonista), Paolo Buonvino (musica) e Ivano Fossati (canzone “L'amore trasparente”).
AUTORE LETTERARIO: Sandro Veronesi


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.