Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

A History of Violence

25 luglio 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su RaiMovie ore 21:15, il Morandini vi consiglia: A History of Violence


A History of ViolenceA History of ViolenceUSA 2005GENERE: Dramm. DURATA: 96′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 5 PUBBLICO: 3REGIA: David CronenbergATTORI: Viggo Mortensen, Maria Bello, Ed Harris, William Hurt, Ashton Holmes, Heidi Hayes, Peter MacNeill, Stephen McHattie
A Millbrook (Indiana) Tom Stall vive da vent'anni con la moglie Edie, avvocato, e due figli, ma, per sventare una rapina nel suo caffè, uccide due banditi assassini e per i media diventa un eroe. La celebrità scoperchia il suo passato a Filadelfia dove, col suo vero nome di Joey Cusack, faceva parte di una banda criminale. In lui rimossa o camuffata, la violenza affiora e contagia la sua famiglia. 1° film di Cronenberg su una sceneggiatura altrui – ma da lui ritoccata – offertagli dalla New Line, cavata dall'omonima graphic novel (1999) di John Wagner e Vince Locke. A livello stilistico è il suo film più classico e lineare, macchina perfetta che però cela un'insolita ricchezza di temi, toni, sfumature e una concretezza realistica non priva di sottile ironia. Si può leggerlo come una parabola sugli Stati Uniti, nazione contaminata dal suo violento passato, o come un'altra metafora sulla normalità della violenza di un pessimista che racconta storie su esseri in cui l'umanità coabita con l'animalità e le sue appendici patologiche. Esemplare l'ambivalente quieto finale. Personaggi scritti con perizia; interpreti scelti e guidati con talento. Girato a Toronto (Canada), città natale del regista che ha trovato Millbrook nell'Ontario.
AUTORE LETTERARIO: John Wagner, Vince Locke


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.