Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

La bocca del lupo

5 settembre 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Rai5 ore 21:15, il Morandini vi consiglia: La bocca del lupo


La bocca del lupoIt. 2009GENERE: Dramm. DURATA: 76′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 4 PUBBLICO: 2REGIA: Pietro MarcelloATTORI: Vincenzo Motta, Mary Monaco
È per “felici pochi” questo breve, anomalo e originale film, il 1° titolo italiano che in 27 anni vince il Torino Film Festival, oltre all'ambito premio Fipresci. Prologo/epilogo in riva al mare di Quarto dei Mille in quest'operina ibrida che assembla (montaggio: Sara Fgaier) frammenti di vecchi documentari genovesi, filmetti di famiglia e la storia di un'insolita coppia che, tuttavia, parla di umiltà collettiva. Dopo molti anni di carcere Enzo torna a casa, a Genova, città del nord che guarda a sud. In un ghetto dell'angiporto lo aspetta la transessuale Mary. Hanno un sogno: una casetta in campagna, sopra la città. Al fianco di Enzo, agnellino dall'aspetto di lupo, Mary espone in un lungo monologo-intervista la loro storia. Costato 80 000 euro, questo film brusco e ispido, tenero e scabro nasce da una proposta della Fondazione San Marcellino Onlus, gesuiti di Genova, che dal 1945 assiste in vari modi i senza dimora, emarginati, raminghi della città. L'intento era di raccontare non l'attività della Fondazione, ma il mondo a cui si rivolge. Prodotto dalla Avventurosa di Dario Zonta e dalla Indigo di Nicola Giuliano e Francesca Cima (già promotori del pluripremiato documentario di Marcello Il passaggio della linea) con Rai Cinema, vanta un'irregolare, eccezionale fotografia in 35 mm dello stesso regista. Distribuito da BIM. Il titolo si presta a varie interpretazioni. David di Donatello per il documentario.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.