Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Che bella giornata

18 settembre 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Canale 5 ore 21:10, il Morandini vi consiglia: Che bella giornata


Che bella giornataIt. 2011GENERE: Comm. DURATA: 104′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 5REGIA: Gennaro NunzianteATTORI: Checco Zalone, Rocco Papaleo, Nabiha Akkari, Ivano Marescotti, Tullio Solenghi
Dopo Cado dalle nubi (2009) il trio Valsecchi (produttore con Taodue), Nunziante (regista e cosceneggiatore), Zalone (sceneggiatore, attore e musicista col vero nome Luca Medici) ha stravinto al botteghino: il più alto incasso nella storia del cinema italiano dopo il 1945, con una commedia che fa perno su un attentato alla Madonnina del Duomo di Milano, ideato da due afgani, sorella e fratello, per vendicare la famiglia massacrata durante un bombardamento aereo. Come portare l'esplosivo in cima al Duomo? Affidandolo a Checco, pugliese di Polignano a Mare (BA), già bocciato 3 volte all'esame di carabiniere. Nonostante una serie di spropositi, il protagonista realizza il sogno, arrivando a proteggere papa Ratzinger. Insolita commedia che fa ridere, pur avendo un risvolto doloroso e drammatico anche per Checco, sedotto dalla bella afgana Farah, disposta a sacrificarlo nell'esplosione. Nunziante spiega il meccanismo, citando Gramsci (“Bisogna essere folli per essere chiari”. Zalone fa il contrario: è chiaro per essere folle). Comico famoso dal 2005 grazie alla trasmissione Zelig, ingenuo per calcolo e di simpatica ignoranza (finta), volgare ma mai scurrile, politicamente scorretto, capace di far satira con leggerezza graffiante su un'Italia dove contano le conoscenze più che la conoscenza, sul familismo, il clericalismo, il militarismo camuffato, musicista che ama il jazz, ma sa essere un neomelodico alla napoletana.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.