Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Bella addormentata

6 novembre 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Rai3 ore 21:05, il Morandini vi consiglia: Bella addormentata

Bella addormentataIt. 2012GENERE: Dramm. DURATA: 90′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 3REGIA: Marco BellocchioATTORI: Toni Servillo, Isabelle Huppert, Maya Sansa, Alba Rohrwacher, Pier Giorgio Bellocchio, Roberto Herlitzka, Michele Riondino, Fabrizio Falco
L'azione parte dal 4 febbraio 2009 e si conclude con la morte di Eluana Englaro (5 giorni dopo), ma più che lei riguarda il suo invisibile padre Beppe e la sua scelta di agire nel rispetto della legge – e della Costituzione – che spaccò l'Italia. Ha una struttura complessa che alterna 3 storie: 1) i rapporti tra un senatore (socialista passato a Berlusconi in crisi politico-esistenziale) e la figlia, cattolica integralista; 2) una famosa attrice francese che ha una figlia in coma irreversibile; 3) una tossicodipendente che vuole suicidarsi, impedita in ciò da un giovane medico. E di sfondo il mortificante ritratto di una certa Italia al governo, in coma morale e politico, attraverso una serie di citazioni TV autentiche. Accorto nel suo coraggio civile, Bellocchio mostra più pena che disprezzo, come di chi abbia sciolto la rabbia nell'elogio appassionato della vita, aiutato dall'implacabile montaggio di Francesca Calvelli. Non tutto è riuscito nelle oscillazioni tra cronaca e fantasia, nei passaggi tra passato e presente, nell'assillo di essere sincero ma non ideologico, non dimostrativo. Lo è nel ritmo convulso e creativo della 1ª parte, in alcune invenzioni della 2ª (i politici al bagno turco davanti al telegiornale). La regia, comunque, migliora la sceneggiatura nella direzione degli attori: il sapiente equilibrio tra negativo e positivo in Servillo; l'interpretazione della Sansa è da premio, mentre, aiutato dai dialoghi, Herlitzka è memorabile nel suo laico sarcasmo ironico. Improbabile la Rohrwacher nel trapasso dal fanatismo alla sensualità. Prodotto da Cattleya Rai Cinema. In concorso a Venezia 2012.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.