Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Amour

1 dicembre 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Laeffe ore 21:00, il Morandini vi consiglia: Amour

AmourAmourAustr.-Fr.-Germ. 2012GENERE: Dramm. DURATA: 125′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 4 PUBBLICO: 3REGIA: Michael HanekeATTORI: Jean-Louis Trintignant, Emmanuelle Riva, Isabelle Huppert, William Shimell
Insegnanti di musica in pensione, Georges e Anne vivono leggendo libri e andando ai concerti. Ogni tanto ricevono la visita della figlia musicista Eva, che vive all'estero, e di qualche ex allievo. Colpita da un ictus, Anne si fa promettere dal marito che non la lascerà morire in un ospedale. Un secondo ictus la precipita in un calvario umiliante per entrambi. Dopo Funny Games (1997) e Funny Games U.S. (2008), l'austriaco Haneke ha fatto un altro crudele “gioco” senza catarsi né vie di fuga. Premiato a Cannes 2012 con la Palma d'oro, il suo 11° film non è solo il più riuscito, ma il più vario nei toni: tenerezza, ironia, persino umorismo. Non è un film sulla vecchiaia, il disfacimento dei corpi, la morte, ma sulle difficoltà di gestire la sofferenza della persona che più si ama. Haneke controlla tutte le emozioni che fa nascere. Glielo rimproverano in tanti, ma è pure la sua grandezza. Qui c'è qualcosa che, in un certo senso, gli sfugge: la bravura dei 2 protagonisti. Dopo aver recitato in un centinaio di film, Trintignant era assente dallo schermo dal 1998, dedicandosi al teatro. Dopo Hiroshima mon amour (1959) di Resnais, la Riva ha fatto solo 14 film, l'ultimo dei quali nel 2008 in una piccola parte.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.