Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Pinocchio ³

1 gennaio 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Rai3 ore 21:05, il Morandini vi consiglia: Pinocchio ³


Pinocchio (3)It. 2002GENERE: Fiab. DURATA: 100′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 3 PUBBLICO: 4REGIA: Roberto BenigniATTORI: Roberto Benigni, Nicoletta Braschi, Carlo Giuffré, Mino Bellei, Peppe Barra, Franco Javarone, Max Cavallari, Bruno Rossi, Corrado Pani, Kim Rossi Stuart
Dal romanzo Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino (1880-83) di Carlo Collodi, sceneggiato da Vincenzo Cerami col regista. Da un pezzo di legno per catasta il falegname Geppetto trae un burattino che, dopo mirabolanti peripezie di terra e di mare, diventa un ragazzino perbene. Prodotto dalla Melampo (N. Braschi, Elda Ferri) per Cecchi Gori (poi Medusa), girato negli studi di Papigno (Terni) con 28 settimane di riprese, 8 mesi di preproduzione e 8 di postproduzione, costato 45 milioni di euro, prefinanziato dalla Miramax con l'esclusiva per i mercati stranieri, distribuito in Italia in 636 copie, è il film più costoso nella storia del cinema italiano. Tolte due frizzanti invenzioni – all'inizio (il tronco che rotola attraverso il paese: la sola sequenza veramente comica) e alla fine (l'ombra del burattino che si dissocia dal ragazzino perbene) –, il film di Benigni/Cerami è fedele al libro di Collodi. Omissioni (non poche) e ridondanze (troppo spazio alla Fata Turchina?) sono funzionali all'ottica di partenza: il duro racconto di un viaggio verso la vita reale. Si presta a diverse letture tra cui quella (F. La Polla) di un'autobiografia trasposta: Pinocchio è Benigni. In La vita è bella il comico toscano porta Pinocchio – e sé stesso – ad Auschwitz, ma non può mostrarne l'orrore. “Le sofferenze cui (in Pinocchio) è sottoposto il corpo del protagonista non sono altro che la rappresentazione di ciò che nella Vita è bella era irrappresentabile” (R. Menarini). Posta la favola fuori dalla storia, Benigni punta sull'ipertrofia figurativa di ispirazione felliniana dove ha come mediatori Danilo Donati (scene, costumi) e Dante Spinotti (fotografia). Ultimo film di C. Pani.
AUTORE LETTERARIO: Carlo Collodi

PINOCCHIO - Scheda monografica


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.